Cagliari – Stretta finale per Padoin: Meirèles non convince, Rincon in bilico. I dettagli

Il club rossoblù lavora per allestire la squadra per la prossima stagione: diversi i nodi da sciogliere in tutti e tre i reparti

pubblicato il 15/06/2016 in Calciomercato da Davide Zedda
Condividi su:
Davide Zedda

Calciomercato nel vivo in casa Cagliari. Non basta Bruno Alves, ci sono da fissare i tasselli mancanti per offrire a Rastelli una squadra all’altezza dell’obiettivo da raggiungere (ovvero la salvezza), traguardo che si vuol tagliare senza troppi patemi d’animo.

In attesa di risolvere il nodo portiere, in Via Mameli ci si concentra quasi esclusivamente sulle mosse da piazzare in difesa ed in particolare in mediana.

Il reparto nevralgico è quello interessato dal maggior numero di interventi. C’è da chiudere l’affare Padoin. Come anticipato dal nostro quotidiano le parti sono sempre più vicine e l'ufficialità non dovrebbe tardare ad arrivare dopo che anche Storari ha di fatto annunciato la conclusione dell'affare. Alla Juve andrebbero circa due milioni di euro per il cartellino del calciatore, mentre al “Pado” un triennale da 500 mila euro a stagione.

Non si conosce il futuro di Gianni Munari, quasi impossibile la permanenza in rossoblù di Tello, anche Fossati prossimo ai saluti.

Meirèles non convince. Il portoghese ha diversi problemi fisici che preoccupano il club rossoblù ed un ingaggio decisamente fuori budget. Allo stato attuale, difficile che possa vestire la maglia del Cagliari. Tuttavia, Giulini e il suo staff ci riflettono. Si vedrà.

Complicata anche la pista che porta a Rincon. Detto dell’accordo con il Genoa sulla base di sette milioni di euro per il prestito con diritto di riscatto, manca l’ok del calciatore, che impegnato in Coppa America con il suo Venezuela prende tempo nella speranza (neppure troppo remota) che altri club italiani si inseriscano nella trattativa e facciano saltare il patto tra Cagliari e Genoa. Un atteggiamento (quello del “General”) certamente poco gradito alla dirigenza sarda, che però non demorde. Per ora non si vira, Rincon resta la prima scelta. Ad ogni modo, più passano i giorni e più il colpo è in bilico.

Ionita (su di lui anche Juve e Napoli) e Romulo così come anche Gazzi, rappresentano (al momento) possibili alternative in mezzo al campo. Si lavora per Faragò, ma per il momento il Novara avanza pretese economiche decisamente alte. 

In regia - come anticipato nei giorni scorsi - il "sogno" resta Viviani. Al momento, domanda e offerta restano distanti, mentre per Valdifiori si farà ancora un tentativo. Il nome nuovo è quello di Cristante.

In difesa, Balzano (salvo ripensamenti societari) è pronto a lasciare la Sardegna. Stessa sorte spetterà a Krajnc che andrà a fare esperienza. Piacciono Donati (terzino destro) e Biraghi (terzino sinistro)in particolare il primo è ormai un obiettivo preciso del sodalizio isolano. Di gradimento anche Santon. Strada in salita per il difensore, ma le parti dialogano. Sempre per l'out difensivo di destra, occhi su Sabelli del Carpi e al giovane Calabria del Milan.

Tra i giovani, baby Colombatto interessa all’Olbia, Arras ha diverse richieste, con il Sud Tirol al momento in pole, Cerri è rientrato alla Juve.

A chiudere, Cop verrà riscattato dal Malaga mentre per Ibarbo si contiua a trattare con il Panathinaikos ma non solo, Ad ogni modo il colombiano non rientra nei piani della dirgenza rossoblù che intende cederlo e monetizzare.

Sempre in attacco (ma sul fronte entrate) resta vivo l'interesse nei confronti di Raicevic. Altro"sogno", è Ganz.