Rastelli: "Non dobbiamo farci prendere dallo sconforto. Fossati? Un'ingenuità"

Le parole del tecnico rossoblù in conferenza stampa

pubblicato il 29/02/2016 in Ultim'ora da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)

In sala stampa, al termine di Cagliari-Novara, terminata 1-0 in favore dei piemontesi, si presenta il tecnico rossoblù Rastelli. Queste le sue parole:

"Ancora una volta abbiamo fatto fatica ad entrare in partita. Appena abbiamo iniziato a carburare siamo rimasti in dieci e questo ha rotto gli equilibri. Nel secondo tempo abbiamo dato tutto e non posso rimproverare niente ai miei, ci hanno provato, soprattutto con gli attaccanti fisici e abbiamo rischiato solo una volta.

Nelle ultime gare c'è stato un calo fisiologico in qualche giocatore ma è normale. È anche vero che siamo in emergenza vera perché finora abbiamo perso tutti i giocatori insieme, Munari, Di Gennaro, Cinelli, e la prestazione e il gioco, naturalmente, ne risentono.

Dobbiamo essere equilibrati e non farci prendere dallo sconforto. Abbiamo ancora un bel margine e questo ci permetterà di ripartire una volta che torneranno tutti. Dobbiamo fare i migliori risultati possibili.

Non voglio distogliere l'attenzione dalle brutte prestazioni avute finora: ma un conto è farle con l'organico al completo, un altro è se si è in emergenza e se mancano giocatori, per qualità e carattere, fondamentali.

Non vogliamo attaccarci agli episodi arbitrali, perché abbiamo le possibilità di fare bene anche se non ci favoriscono. Noi non commentiamo e dobbiamo essere più forti di tutto, senza attaccarci a nulla.

Per Trapani recupero Cinelli ma perdo Fossati, siamo punto e a capo. Colombatto l'ho messo dopo perché volevo finire il primo tempo controllando gli avversari e non soffrire sulle fasce. paradossalmente li abbiamo messi in difficoltà più in dieci che in undici.

Fossati ha commesso un'ingenuità, poteva accompagnare l'avversario. È stato poco lucido, gli servirà di lezione, non possiamo regalare uomini, soprattutto nella situazione di adesso".