Cagliari, una vittoria, tre reti e ancora tanto da migliorare

Buona la prima, ma per diventare squadra il cammino non è finito

pubblicato il 16/08/2021 in Sotto la lente da Mario Siddi
Condividi su:
Mario Siddi
2021

I rossoblù passano in casa con un rotondo 3-1, e suggellano la prima uscita ufficiale di stagione partendo forte, così come chiesto dal mister.

Lo stesso Semplici, ribadendo a più riprese il concetto dell'importanza di iniziare bene per tenere alto il morale, in queste settimane di ritiro è stato profetico.

Partire al massimo dall'inizio vuol dire tanto. Tantissimo.

Ed ecco che, al netto del passaggio del turno e del cammino in Coppa, l'orizzonte futuro non può che concentrarsi sulla prima di campionato, guardando con una punta di esigenza quello che ancora manca.

Lo stesso tecnico toscano non nasconde alcune lacune dei suoi ragazzi, sottolineando che “il lavoro da fare è tanto” e che “alcuni elementi arrivati in ritardo, hanno avuto per questo qualche problema”.

Tornando alla gara di sabato invece, tra le note positive si annoverano le tre reti, le soluzioni create, e il buon piglio di alcuni uomini chiave che si spera “sboccino” definitivamente durante la stagione. Un nome (non a caso) Razvan Marin.

C'è un po' di tutto insomma in questo Cagliari che prende forma. Alle buone doti tecniche dei vari Godin, Marin, Joao Pedro,  il controcanto è la freschezza di giovani come Carboni, Walukiewicz e Zappa.

Il tutto però è ancora da consolidare. Quando a farla da padrone saranno i punti, dove il calcio d'agosto sarà solo un ricordo, sivedrà chi veramente possiede o no valori, identità di squadra e le giuste motivazioni.

Per ora, ci si goda il buon inizio e le prospettive di miglioramento generale che solo il lavoro e la serenità possono dare.

Per tutto il resto, si rimandano i giudizi a quando le partite avranno più peso anche dal punto di vista emotivo, che in effetti, fa la differenza nella resa sia dei singoli che del gruppo.

Buona la prima per “testare”dunque, ma si aspetti il campionato per esprimere altri giudizi.