I tifosi: "Una società di incompetenti e una squadra senza attributi"

I commenti dei supporters rossoblù dopo la sconfitta di Genova

pubblicato il 12/04/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori

A Genova arriva la diciassettesima sconfitta e per il Cagliari si avvicina sempre di più lo spettro della serie B. In più, il Parma compie un autentico miracolo e riesce a rubare i tre punti alla Juventus, portandosi a cinque lunghezze dai rossoblù. Per i sardi si fa veramente dura. Cosa ne pensano i tifosi? Vi lascio ai commenti, buona lettura!

Il Cagliari siamo noi!

Andrea: “Ancora otto settimane di agonia, sarà dura sopportarle. Non vedo l'ora che finisca il campionato, sperando che Giulini venda e che si possa programmare l'immediato ritorno in Serie A, con un presidente serio. Purtroppo temo che sarà utopia pura e che Giulini ci porterà in Serie C. Spero di sbagliarmi”.

Marco: “La cosa peggiore non è la serie B, ma affrontarla con questa dirigenza incompetente”.

Simone: “Siamo penosi e scarsi, Giulini è il peggiore presidente, il suo progetto è ottenere la Lega Pro in due anni. GIULINI VATTENE! E sono pure calmo, perché dovrei bestemmiare per giorni”.

Alyssia: “Questa sconfitta mi intristisce molto. Abbiamo creato tanto e non siamo riusciti a concretizzare. Io non credo a queste cose ma sembra che ci si sia attaccata addosso la sfiga e che non se ne voglia più andare. Credo che Giulini, a questo punto, sia da considerare come l'unico responsabile perché, se avesse comprato TUTTI i giocatori che gli aveva chiesto Zeman in estate, a partire da Husbauer, a quest'ora saremmo in una situazione diversa. Questo ragazzo è un incompetente: presentarsi ostentando la lunga presenza nel CdA dell'Inter non è segno che si capisca di calcio. E infatti.... Quanto mi manca Cellino!”

Fabio: “Tutta colpa del presidente! È stata costruita una squadra scarsa e con limiti tecnici e nessuno che ci faccia fare il salto di qualità. È stato un errore portare Zeman a giugno ed è stato un suicidio richiamarlo e sarebbe necessario esonerarlo per salvare la dignità! È indecoroso non far giocare il capitano, l’unico che tiene veramente alla maglia. Il presidente è assente e incompetente e dà sostegno alla squadra dalla sua casa di Milano. C’è il rischio che arriviamo ultimi, mai successo nella storia del Cagliari, ma con Giulini e Zeman tutto è possibile. Giulini vattene!”.

Nando: “Ho sperato per ventidue anni che Cellino andasse via e, quando è accaduto, mi sembrava un sogno. Adesso la vittoria più grande per me sarebbe ripartire da zero in B, senza questo co**ione di presidente, senza Zeman, senza Marroccu, senza Longo, Pedro, Farias, Cragno e Avelar”.

Carlo: “Solo una lettera: B”.

Kriss: “A me il primo tempo è piaciuto.....purtroppo solo il primo”.

Stefano: “Non penso ci siano più speranze, credere che questa squadra possa salvarsi quando perde le partite con squadre alla portata è da masochisti! Giulini ha rovinato questa squadra, negli anni a venire verrà ricordato per il suo pessimo record, nessun presidente nella massima serie è riuscito a retrocedere al primo anno. Batterà niente po’ po’ di meno che Amarugi, e con questo ho detto tutto! Spero solo che venda la società perché non vorremmo finire come il Bellinzona... a buon intenditor!”.

Carmen: “I nostri giocatori sono senza carattere e di qualità scadente, tranne le poche e rare eccezioni che pare siano in partenza già da mesi. Peccato che oggi non si sia giocato con l’unico che avrebbe meritato perché ama la maglia (Conti), dato che Cossu è infortunato. E Sau che va in iperventilazione dopo 10 minuti di corsetta, che non aggancia un pallone, dove lo mettiamo? E basta dire che con Ibarbo, forse...il colombiano sarebbe stato infortunato anche con noi”.

Nicolò: “Ci vorrebbe un miracolo per salvarci ma, come ho già detto, fino a quando non c'é la matematica io ci credo, consapevole del fatto che sarà difficilissimo”.

Manu: “Io non ci credo più. Servirebbe un miracolo che la rosa attuale non può offrirci. Oggi tanta sfiga e tanta ingenuità, come al solito nulla di nuovo. Forza Cagliari”.

Angelo: “Siamo stati inguardabili, e il nostro capitano in panca senza poter fare nulla a salvarci”.

Christian: “Appena fuori da Marassi, deluso, ma domenica dalla Valle D'Aosta presente al Sant'Elia. Non ho più parole però l'amore per quella maglia e quei colori è infinito. Sono mezzo rassegnato ma non voglio crederci. Non ci sto ad andare in B”.

Martina: “Un solo commento: Giulini c'ha rovinato! VATTENE!”.

Luca: “Se mi avessero detto che era più facile una vittoria del Parma sui gobbi che una vittoria nostra a Genova avrei pensato ad uno scherzo. Cess, evidentemente dobbiamo proprio fare il pieno di umiliazioni”.

Marco: “Io sinceramente non ci credo più, credevo in Zeman ma ora veramente ho capito che i giocatori quest'anno sono mediocri e solo ora capisco quanto fosse bravo Cellino”.

Marco: “Un uomo seduto in panchina che ha lo sguardo triste perché ha capito che è finita. Il nostro CAPITANO rovinato da una società di merda, da un presidente inesistente. No, ma deve per forza giocare Crisetig, in prestito dalla sua amata Inter, calciatore inutile e senza co**ioni e onore. Tanto è solo in prestito, che gliene frega a lui di sudare la maglia a discapito di chi ha la pelle rossoblù? Perdonali CAPITANO. GIULINI VATTENE! PS: a quelli che dicevano che con Crisetig si vince: dove siete?”.

Francesco: “Che dire, una pena continua! La "perla" é che Zeman ci crede ancora, dopo il medico gli ha dato le medicine. Una cosa é certa, noi tifosi rimaniamo in serie A, la squadra non ci merita!”.

Niccolo: “Siamo quasi in B, ma già lo eravamo da quando è stato ripreso Zeman al posto di Zola, però voglio lasciare un lumicino di speranza e sapete come? Esonerare Zeman prendere qualcuno con le palle (Pulga, perché no?), e provarci anche se l’impresa è proibitiva! Che dite?”.

In giro per il web

Manuela: “Io sono rassegnata. Già di nostro siamo inguardabili, se poi ci si mette pure la sfiga... Non sono in grado di reagire, mai. Eh, quest'anno è andata così, speriamo che la permanenza in B sia breve.”.

Michele: “Che vergogna: ennesima sconfitta e anche stavolta abbiamo resuscitato una squadra che non vinceva da febbraio. Vedere come i nostri calciatori non ci mettano grinta e abnegazione mi fa rabbia e davvero c'e da imparare tanto da squadre come il Parma. Per la prima volta, da  quarant’anni che seguo il Cagliari, ho spento la tv per la rabbia mescolata alla vergogna. COME SI FA A SUBIRE DUE GOL DEL GENERE? E' VERGOGNOSO! Questa è una squadra senza palle e senza carattere. E anche Zeman, che si fissa su calciatori come Sau, che è totalmente fuori condizione, e non un attacante centrale per una squadra che ha bisogno di attaccare e fare punti, e Crisetig, che non riesce a fare un passaggio oltre i tre metri senza prendersi responsabilità e senza contrastare una sola volta in modo energico i centrocampisti avversari. Non ha mai tirato in porta nè in questa nè nelle altre partite. Diciamo che, da quando è arrivato a Cagliari, non l'ho mai visto calciare in porta. Ma Zeman è fissato su alcuni di loro, ma non è questo il problema quanto, secondo me, una questione di testa: i giocatori non sono motivati abbastanza, non sentono la gara, l'attaccamento alla maglia e alla società. Non gliene frega niente se scendono in serie B, tanto la dignità non gli appartiene. Loro tanto pensano di cambiare società e prendere altri soldi, solo a questo pensano. I giocatori vanno e vengono e pochi hanno davvero l'amore e l'attacamento verso la maglia. E il nostro nuovo presidente resta a guardare. Beh, a questo punto dico era meglio quando stavamo peggio: VIVA CELLINO! Almeno c'è da riconoscergli di essere un grande intenditore di calcio e di aver sbagliato poche volte giocatori ma sopratutto allenatori. Quindi, ancora una volta, Viva Cellino!”.

Massimo: “Da un punto di vista tecnico la squadra è palesemente lontana dal calcio di Zeman, non so se per motivi fisici o limiti personali, anzi, credo sia un mix delle due cose. Zeman fa lo stesso calcio da trent’anni, peccato che Signori, Rambaudi e Kolivanov non li trovi nell'uovo di Pasqua! La società e il presidente devono ripartire dalla B, anche a Cellino servì l'esperienza. Comunque, uno che si affida a Zeman non capisce un ca**o di calcio, ormai il suo calcio non coglie più nessuno impreparato, almeno in serie A: sempre solito schema, verticalizzazione per l'esterno, dribbling e/o inserimento del centrocampista. Magari con Esposito e Langella avrebbe pure funzionato. E di schemi difensivi non ne parliamo nemmeno perché sono inesistenti: per fare il fuorigioco sistematico ci vuole un’intesa perfetta”.

Nicola: “Un'altra figuraccia: buona volontà ma tanta pochezza tecnica dei giocatori e solita mancata lettura della partita di Zeman. Zeman, resta pure per le otto partite che restano, retrocedi cercando di salvare almeno la dignità e di non finire all'ultimo posto e non dare le colpe ad altri (Zola). Poi, che venga cacciato e si ricominci da zero”.

Francesco: “La dirigenza si prenda le sue responsabilità, squadra inguardabile.
Rispetto per la maglia!”.

Maury: “Non bastano i legni, non riusciamo a segnare nemmeno con la porta ad un metro. Da tifoso dico che è una squadra da metà classifica di serie B, un presidente inutile che in un anno ci ha fatto retrocedere, un allenatore che pensava di fare una quadra tipo il Pescara ma ha sbagliato tutto, ci supera anche il Parma tra un paio di settimane”.

Danilo: “Neanche una squadra di terza categoria gioca come il Cagliari, che schifo. Se sento Zeman che dice ‘abbiamo ancora speranze’ lo mando a ca**re”.

Alfonso: “Crisiting ha rotto i coglioni. Dentro Conti, almeno lotta”.

Andre: “Daniele Conti, Andrea Cossu: onore a chi ci ha salvato in questi anni. Fuori dalle palle Giulini, Zeman  e Marroccu”.

Gianmarco: “Non ci credo più!”.