La voce dei tifosi: “Orgogliosi di questa squadra ma l’arbitro ha impedito la rimonta”

I commenti dei supporters rossoblù nel dopogara di Lazio-Cagliari

pubblicato il 04/11/2014 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

Dopo le buone prestazioni delle ultime partite, e un filotto di tre risultati utili consecutivi, è arrivata inaspettata la sconfitta di Roma che, quest’anno, non sta portando particolarmente fortuna ai colori rossoblù. La squadra di Pioli, nonostante il buon momento, non sembrava far paura quanto le squadre che i ragazzi di Zeman hanno affrontato nelle ultime settimane (Sampdoria, Empoli e Milan) e i tifosi si aspettavano grandi cose, soprattutto considerate le ultime trasferte. Eppure, i biancocelesti, nonostante diverse defezioni, sono riusciti a dominare praticamente tutto il primo tempo e a non soccombere nel secondo. La formazione sarda non ha cominciato con il piglio che l’ha contraddistinta nelle precedenti occasioni, anche a causa del gioco della Lazio, e ha dovuto subire per tutta la prima frazione di gioco finendola con tre gol sul groppone. Qualsiasi altra squadra sarebbe “rimasta” negli spogliatoi con la testa, considerando la partita già chiusa. I ragazzi di Zeman no, ci hanno provato e, nella ripresa, sono riusciti a recuperare due gol su tre. Peccato non sia bastato: ma con Ibarbo ancora in campo sarebbe finita diversamente? Abbiamo raccolto i vostri commenti, vi auguro una buona lettura e vi dò appuntamento a domenica: ci aspetta la quarta in classifica!

Roma ha qualcosa da dire sul centrocampo rossoblù: “Con tutto il rispetto, sarà stata una bandiera, ma Conti è assolutamente inguardabile. Non si propone mai e costringe i difensori centrali ai lanci lunghi, che così risultano sterili. Non fa schermo, è sempre in ritardo. Inoltre Crisetig è sprecato come mezz'ala”.
Gabriele rimpiange il “grande assente”: “Ma chi ha inserito Murru nella classifica dei venti miglior Under 20 del mondo, cosa si è fumato? Avelar ti aspettiamo con ansia”.
Giampaolo è contento per l’atteggiamento della squadra: “Sicuramente una bella reazione, ma Pisano è inguardabile, Balzano è di un altro pianeta! L’arbitro ha spezzato la nostra rimonta ma i ragazzi hanno dato l’anima: questo è l’importante”.
Vincenzo ce l’ha con il signor Di Bello: “Complimenti all'arbitro che è stato capace di cacciare Ibarbo reo di essersi divincolato vivacemente da una presa degna di un polpo e di essersi fatto bucare il ginocchio e di aver subito troppi pochi falli”.

Giulia è orgogliosa: “Siamo GRANDI, quest'anno amo la mia squadra ancora di più perché lotta davvero fino alla fine e ci crede”.

Federico concorda: “Nel secondo tempo ci sono stati dieci leoni in campo, l’espulsione è senza senso. Ma hanno lottato fino all'ultimo e per questo sono soddisfatto. Grandissimi, e adesso testa al Genoa!”.

Alessandro individua il principale colpevole di questa sconfitta: “Primo tempo disastroso, Murru e Pisano non sono entrati nei meccanismi, ma l’arbitro ha rovinato la partita. Avremmo potuto pareggiare senza ombra di dubbio”.

Carlo pensa già al Genoa: “La salvezza ce la giochiamo in casa. Adesso la prossima partita senza Ibarbo ci sarà da sudare”.

Giuliano è convinto che Zeman abbia sbagliato qualcosa: “La partita l'ha voluta perdere il mister. Primo tempo regalato, formazione completamente sbagliata. Se già ti manca Avelar, perché reinserire Pisano che fino ad oggi non ne ha azzeccata una? Perché insistere con Cossu? È lento, mai pericoloso, non gioca mai in verticale e soprattutto non ha i tempi di gioco. E sinceramente nutro anche dei dubbi sulla possibilità di Conti di partecipare a questo gioco corale. In più ci si è messo l'arbitro che ha cacciato Ibarbo, giustamente non poteva cacciare Cossu, non tocca una palla!”.

Nino è d’accordo: “Adesso ragioniamo: Conti non regge due tempi, Cossu e' sempre leggerino, Ibarbo ha sbagliato a reagire e ci ha messo in difficoltà. Spero si riprendano contro il Genoa che davvero in gran forma. Forza Cagliari!”.