Di Francesco: "Sbagliato poco, pagato tanto, il rigore non c'era"

"Siamo molto ingenui"

pubblicato il 14/02/2021 in Interviste da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
2020

Cagliari-Atalanta finisce con il risultato di 0-1 ed Eusebio Di Francesco ha commentato la gara contro i bergamaschi ai microfoni di Sky Sport.

Ecco le sue parole:

“Momento storto? Peccato che il momento è lungo e le prestazioni ottime. Giocando con una squadra come l’Atalanta senza farlo tirare in porta per 70 minuti e avendo occasioni. Peccato veramente, è stata una bella mazzata prendere gol per l’ennesima volta alla fine della partita.

Che segnali sono? Non credo di mancanza di concentrazione, sono errori di posizionamento, ingenuità, che abbiamo pagato profumatamente. Ci siamo mossi bene con un sistema di gioco che stiamo utilizzando da poco. È stata una grossa ingenuità.

I tifosi? Dispiace tanto. L’unica cosa positiva è la prestazione. Venerdì giocheremo col Torino e dovrà essere la partita della vita, dovremo dare ancora di più rispetto ad oggi.

Abbiamo fatto pochi gol rispetto all’inizio. È un momento particolare, siamo anche un po' sfortunati. Dobbiamo migliorare per cercarci la fortuna. Attaccare con più uomini lo abbiamo fatto ma ci sono momenti in cui non arrivano le palle giuste. Dobbiamo essere compatti e tornare a far punti.

Esperienza simile al primo Sassuolo? Non è uguale. Dobbiamo dimenticare il momento negativo, ripulirci, e ripartire dal buono che abbiamo fatto. Venerdì dobbiamo avere determinazione, voglia di attaccare e difendere il risultato.

Il rigore? Mi han detto in tanti che non c’era. Mi interessa relativamente, siamo stati sfortunati anche lì. (Dopo aver visto l'azione n.d.r.) Devo essere sincero? Per me non è rigore.

Ritiro? È un modo per stare più assieme e trovare la chimica. Li abbiamo fatto col Sassuolo, se mai dovesse servire lo rifaremo. Dobbiamo continuare con questo atteggiamento e vorrei sottolineare anche le fasi tattiche della squadra che oggi abbiamo svolto bene”.

Così a seguire il tecnico rossoblù in sala stampa

"Il complimenti di Gasperini fanno piacere, peccato non aver portato punti dopo l'ennesima buona prestazione, li avremmo meritati per l'abnegazione e ciò che abbiamo fatto. Ci si aspetta di più sotto rete, ma pensiamo anche quello che loro si possono permetteredi fare, c'e una differenza con l'Atalanta che è una grande squadra. Noi abbiamo cambiato qualcosa ma ce la stiamo mettendo tutto. Avremmo meritato il punto almeno, abbiamo contenuto una squadra che di solito crea tantissimo, è un periodo che non ci riesce fare gol e veniamo punti al primo che prendiamo. Non posso essere ipocrita, è ovvio che la classifica preoccupa, dobbiamo essere resilienti e pensare a vincere Torino, è uno scontro diretto ed è da vincere, dobbiamo pensare a scavalcarli. Il rigore? In altre occasioni, come contro il milan, non li hanno rivisti li episodi. Obiettivamente pero non c'era. Radja l'ho rioortato jn una posizione dive si esprime meglio anche in funzione della gara e finche ha retto ha fatto bene. La squadra è dispiaciuta e anche il tecnico, domani ne parleremo, è meglio evitare di parlare a caldo. Sto avendo delle risposte da tutta la squadra anche da chi ha giocato meno, stiamo facendo bene ma ci mancano i risuktati, che ci darebbero morale. Prestazione e atteggiamento sono stati ottimi, mi fa piacere che si riconisca che stiamo facendo bene. Dobbiamo migliorare qualcosa, riportiamo questa prestazione venerdi e potremo far meglio. La squadra, al di la di alcuni particolari, mi è piaciuta sotto l'aspetto tattico, ha scelto i tempi giusti, ma dobbiamo migliorare sul lato offensivo. A questi ultimi sei minuti ci penserò tanto ma vorrei dimenticarmeli anche subito, perche vedo la luce, anche negli occhi dei ragazzi. Mancano ancora tante gare, siamo lì, ci dobbiamo credere. A volte la svolta è dietro l"angolo e abbiamo un'occasione venerdi​".