Cerri, il racconto da brividi secondo per secondo del gol contro la Samp: "Come non ci fosse un domani"

"Vi racconto la notte più bella della mia vita"

pubblicato il 06/12/2019 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2019

"Dopo il gol alla Samp, ho smesso di pensare alla partita solo alle cinque del mattino". Così Alberto Cerri ai microfoni di Cuore Rossoblù (intervistato da Luca Telese) racconta quella che il bomber definisce "La mia notte più bella", ovvero quella a seguito del gol vittoria contro la Samp

"Ho ripensato a quel gol mille volte, tutta la notte. Ossessivamente. Ed era un pensiero felice, ma non avevo pace".

Il racconto del gol

"Ho visto la palla di Pellegrini che partiva come una pennellata, avevo chiaro che era l'ultima occasione della partita. Mi sono butato come non ci fosse un domani, puro istinto. Subito dopo aver colpito la palla - prosegue - il rumore sordo del pallone: ho colpito ed ho pensato "E' dentro!. "E' dentro lo specchio". Poi il tuffo di Audero, ho fatto in tempo a dire "Non ci arriva". Poi un secondo di panico, quella maledetta traversa, stavo già correndo ed ho fatto in tempo a dirmi "questa non può uscire""..