Nandez onnipresente, Keita che gol: le pagelle rossoblù

Le pagelle del Cagliari che fa 2-2 in casa del Sassuolo

pubblicato il 21/11/2021 in Il Borsino Rossoblù da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2020

Cragno: 6. Pronti via e deve già calare una parata non semplice su Frattesi. Non può nulla su Scamacca e Berardi, ha un'incertezza in un'uscita ma viene graziato. Compie però un grande intervento su Defrel.

Zappa: 6. Bene nei cross, meglio in fase di spinta che in copertura, mette qualche buon pallone al centro ma i suoi compagni non ne approfittano. Dal 78' Caceres: S.V.

Ceppitelli: 6. Prende la traversa di testa, ma è in ritardo su Scamacca che non lo perdona. Per il resto tiene la posizione senza rischiare più di tanto.

Carboni: 5,5. Sulla rete di Scamacca non si capisce dove sia, meno sicuro di Ceppitelli in generale.

Lykogiannis: 5,5. Dalle sue parti a volte il Sassuolo sfonda con troppa facilità, sul vantaggio dei neroverdi sale troppo. Procura il rigore per il Sassuolo con un fallo troppo plateale su Frattesi. Si fa perdonare in parte quando probabilmente salva un gol intercettando un tiro di Traore.

Bellanova: 6,5. Va vicino gol con una bella conclusione al volo ma Consigli si supera. Svaria spesso lungo il campo, è attento nelle chiusure e partecipa attivamente alla manovra offensiva.

Nandez: 7,5. Il più attivo del Cagliari: punta l'uomo, crossa in mezzo, corre per due. Il gol di Keita è un capolavoro, ma la giocata con sombrero e assist è super. I pericoli maggiori arrivano da lui, è sempre pronto a recuperare per poi ripartire e fare male.

Marin: 6. Prende un giallo evitabile, si vede che è un po' affaticato ma tiene botta, non era facile contro un centrocampo dinamico come quello del Sassuolo. Dall'83' Oliva: S.V.

Grassi: 6. Gioca al posto di Strootman e non sfigura, fa il suo senza strafare. Dal 78' Deiola: S.V.

Joao Pedro: 6,5. Un po' fuori dal gioco, ha un sussulto di testa al 36'. Nella ripresa si prende il rigore e lo trasforma. Più presente dopo il gol, ma non riesce a graffiare ancora.

Keita: 7. Non si vede fino al 40', quando pesca dal cilindro il gol della vita, una sforbiciata con la palla che sbatte sotto la traversa e gonfia la rete. È presente anche nel rigore che procura Joao Pedro. Dall'83' Pavoletti: S.V.

Mazzarri: 6. Il Cagliari porta a casa un punto importante dopo una partita da montagne russe. Forse un po' troppo conservativo alla fine, serviva vincere e osare di più, ma come risultato non ci si può lamentare.