Troppa differenza ma danni limitati: le pagelle rossoblù

Le pagelle del Cagliari, sconfitto 2-0 dalla Juventus

pubblicato il 21/11/2020 in Il Borsino Rossoblù da Marco Zucca
Condividi su:
Marco Zucca
2020

Cragno: 6+. Si oppone in due tempi a Bernardeschi dalla distanza, mentre è costretto a capitolare senza avere repsonsabilità su Ronaldo che marca una doppietta. Salvato dalla traversa colpita da Demiral, è molto bravo su Bernardeschi, evitando il 3-0.

Zappa: 6. Meglio in fase offensiva che in quella difensiva, dove deve provare a contenere le azioni arrembanti dei padroni di casa, su tutti Bernardeschi e Ronaldo. Da apprezzare l’impegno.

Pisacane: 5.5. Bravo ad anticipare di testa Ronaldo pronto a colpire a rete, non riesce con Zappa a contrastare il portoghese che marca il vantaggio e ha responsabilità sulla mancata marcatura in occasione del raddoppio bianconero. Nella ripresa dopo l’uscita di Tripaldelli diventa il quarto a sinistra, per poi tornare al centro.

Klavan: 6. Cerca di limitare i danni e utilizza il fisico quando si conviene. Trova il gol, annullato per un precedente fuorigioco di Marin, e proprio nell'azione si infortuna (Dal 70’ Carboni: s.v.).

Walukiewicz: 5.5. Opta per l’anticipo, è decisivo in una chiusura su Ronaldo ma soffre i cambi passo Bernardeschi.

Tripaldelli: 5+. Ha il compito di seguire Cuadrado, che però quando sale lo costringe al fallo che gli costa l’ammonizione. Propositivo, dialoga con Joao Pedro, anche se difetta spesso nel controllo palla. La sua gara dura 45’ (Dal 1’ st. Sottil: 6. Il suo ingresso offre più dinamismo. Si becca l’ammonizione per un fallo di Dybala dopo essere scivolato sul terreno bagnato.

Marin: 5.5. Troppo lento nell’impostazione, migliora nel secondo tempo, partecipando suo malgrado all’azione che porta al gol annullato proprio per un suo fuorigioco (Dal 70’ Caligara: s.v. Impreciso, effettivamente entra quando difficilmente le sorti possono mutare).

Rog: 6-. Deve fare un lavoro soprattutto di contenimento e allontana la minaccia in diverse occasioni.

Ounas: 5.5. Bello il passaggio filtrante per Zappa, tuttavia tende ad allungarsi troppo il pallone e viene fermato, soffrendo soprattutto lo strapotere fisico di De Ligt (Dall’80’ Oliva: s.v.)

Joao Pedro: 5.5. Si posiziona tra le linee, servendo i compagni. La serata non è semplice, ma il brasiliano prova a dire la sua: nella ripresa un numero illumina per Sottil.

Simeone: 5.5. Partita di sacrificio, con l’argentino che si abbassa per legare i reparti. Pochi i palloni giocabili (Dall’80’ Pavoletti: s.v.).

All. Di Francesco: 6. Fa di necessità virtù e cerca di contrastare le pesanti assenze schierando i suoi a 5 in difesa. Il muro resiste per metà del primo tempo, fino a quando cade sotto i colpi di Ronaldo, e il mister opta per il ritorno a 4. Da applaudire, nonostante la sconfitta – preventivabile considerata la differenza tra le due squadre – la capacità di mantenere l’identità e giocare sempre palla a terra.