Verso il Napoli, Maran: "Vogliamo fare qualcosa di straordinario"

"Coraggio e cuore"

pubblicato il 15/02/2020 in Conferenze Stampa da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
foto: sport.sky.it

Vigilia di Cagliari-Napoli: domani i partenopei arriveranno alla Sardegna Arena per riscattare una stagione magra e si troveranno di fronte una squadra che non vince dal 2 dicembre. Entrambe le compagini sono in un momento no, sebbene gli azzurri abbiano battuto l'Inter a San Siro in Coppa Italia di recente. I sardi devono ritrovare i 3 punti per sognare l'Europa, senza Nainggolan sarà dura ma bisogna provarci.

Il tecnico dei rossoblu Rolando Maran, dopo la rifinitura della squadra, si appresta a incontrare i media alle 13.15 nella sala stampa di Asseminello. Sarà presente per il nostro giornale l'inviata Alexandra Atzori.

Amici sportivi buongiorno da Alexandra Atzori. Siamo in attesa di Rolando Maran dalla sala stampa del Centro Sportivo di Asseminello.

Luca Ceppitelli giocherà dal primo minuto? Il centrale rossoblu è rientrato in gruppo dopo un lungo infortunio e potrebbe riassaporare il campo proprio contro il Napoli.

Potrebbe essere giunto anche il momento di Gaston Pereiro: in assenza di Nainggolan squalificato, il trequartista ex PSV dovrebbe prendere il suo posto sulla trequarti.

Manca pochissimo all'inzio della conferenza in programma per le 13.15.

Incognita Marko Rog: il croato è rientrato dall'infortunio e, anche se non partirà titolare, potrebbe rientrare nella lista dei convocati.

Ancora qualche attimo di pazienza, ci siamo quasi.

Dubbio portieri: Olsen o Cragno? Lo svedese è stato una certezza in tutto l'arco del campionato, il numero 28 ha alternato grandi parate a qualche insicurezza, ma rientrava da un lungo infortunio.

Ecco ci siamo, Mister Maran è arrivato, ecco le sue dichiarazioni:

"Caso Pavoletti? È stata una settimana particolare e complicata ma abbiamo una partita troppo importante da affrontare. Sono state dette tante cose e vorrei iniziare facendo un grande in bocca a lupo a lui, dovremo essere tutti forti a sopportare un momento del genere.

Queste cose ci hanno complicato la settimana ma abbiamo reagito alla grande, il presidente ci è stato vicino ogni giorno e da come siamo andati in campo e come abbiamo lavorato mi dà ottimismo per domani. Dovremo dare un segnale forte e fare bene, come sempre, nel nostro stadio. Chi ha parlato troppo in questa settimana non vuole bene al Cagliari. Chi invece ci sarà domani ne vuole tanto.

Pavoletti? La settimana scorsa, quando ho parlato con lui, non c'era la percezione di un infortunio così serio. Voglio proiettarmi solo sulla gara fondamentale di domani.

Pereiro? È difficile dire se è pronto o meno. Lo dirà il campo e sto valutando il suo impiego. In base a quello che rileverò, deciderò di impiegarlo dall'inizio o a gara in corso. Per quanto riguarda il modulo, ho preparato diverse soluzioni come al solito, ma al di là dei numeri sono solo accorgimenti di campo.​

Come giocherà il Napoli dipenderà da noi, noi siamo il sesto attacco della A e ultimamente stiamo concedendo troppo, ma dipenderà da noi, e da come sfrutteremo le nostre forze e le nostre debolezze, l'andamento della gara​.

Rog? È un po' migliorato ma non se la sentiva di rischiare, quindi non è convocato. Ceppitelli, invece, è a disposizione ed è convocato​.

Formazione? Le soluzioni che ho provato sono tante ma non voglio che i ragazzi sappiano la formazione dai giornali, perciò voglio essere io a comunicargliela.

Quale Napoli vedremo domani? Io credo che dipenderà da noi e da come scenderemo in campo. Dovremo tirare fuori qualcosa di straordinario e, dopo una settimana così, non vediamo l'ora.

Se Cragno ha bisogno di rifiatare? Se e quando ne avrà bisogno, valuteremo. Sicuramente ho due portieri validi che ci possono dare tanto​.

Subiamo più gol nella ripresa? Credo che questo sia un problema di tutti, perché nel secondo tempo le gare si aprono. Nelle ultime cinque gare siamo quelli più pericolosi dopo l'Atalanta, quindi vuol dire che creiamo tanto e che interpretiamo bene la partita​.

La carta vincente di domani sarà il cuore. Dovremo fare qualcosa di straordinario e servirà una gara di grande coraggio e cuore.

La challenge sul Var? Io credo che un episodio rivisto dovrebbe essere valutato da tutti nello stesso modo. Se c'è qualcuno che monitora le immagini, non so quanto possa servire la challenge. Vedremo più avanti​.

Non credo che stiamoo arrancando, soprattutto nelle ultime gare... Sicuramente abbiamo fatto delle gare al di sotto delle nostre possibilità e abbiamo raccolto meno di quanto avremmo potuto.

Io in discussione? Mi ci sento sempre in discussione, anche quando vinciamo. Ma questo non deve influire sulla testa di nessuno. Io lavoro sempre al massimo per ottenere risultati, che in questo momento sono l'unica cosa che ci manca.

Domani abbiamo davvero una grande opportunità per il valore dell'avversario e per il momento che viviamo. Dobbiamo prendere al volo l'opportunità​".