Cagliari, contro chi ti giochi la salvezza?

Per restare in Serie A ci saranno anche Parma e Torino, ma per non retrocedere servirà giocarsela con almeno 6 squadre su 10

pubblicato il 31/03/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2020

La salvezza non è roba solo del Cagliari. I rossoblu, in questa corsa verso la permanenza in Serie A, se la dovranno vedere con un altro paio di squadre che stanno lottando anche loro per non retrocedere in B. Inoltre, il cammino dei sardi passa obbligatoriamente da un gruppo di avversari contro i quali sarà doveroso portare a casa il massimo dei punti.

Gli altri club concorrenti sono Torino e Parma. I granata al momento si trovano quartultimi a 23 punti, a +1 dagli isolani con una partita in meno (il recupero sarà contro la Lazio), mentre i crociati sono a -3 con 19 punti, ancora aggrappati a un filo di speranza. Tra le tre il Cagliari è quella con una rosa più importante, ma per le difficoltà che sta incontrando fin qui è difficile dire che ha un maggior numero di chance per salvarsi.

La cosa certa è che per la salvezza sono necessari almeno una quindicina di punti in queste ultime dieci partite, impresa tutt'altro che semplice visto che finora in tutto ne sono arrivati solo 22. Molto dipenderà poi ovviamente dalle altre, perché se il Parma dovesse rimanere sotto e il Toro dovesse fare male da qui alla fine ecco che potrebbero bastare meno punti del previsto. Ma il Cagliari non può pensare al ribasso e soprattutto deve concentrarsi su se stesso, senza guardare la classifica altrui.

Le sfide da cerchiare in rosso per gli uomini di Semplici sono sicuramente sei: Verona, Parma, Udinese, Benevento, Fiorentina e Genoa. Si tratta della maggior parte della gare che restano, tutte partite sulla carta alla portata in cui si dovrà fare bottino pieno o almeno 5 vittorie. Due sono gli scontri diretti, contro Parma e Benevento, anche se le Streghe sono a +7 dai rossoblu e quindi molto più tranquille. Servirà la cosiddetta partita perfetta in ognuno di questi sei match, senza dimenticare ovviamente gli altri che saranno contro le big (Inter, Napoli, Roma e Milan), dove qualche punto per forza di cose bisognerà strapparlo.