Beata gioventù

Il positivo debutto di Andrea Carboni contro il Torino conferma le ottime impressioni suscitate dal ragazzo in Primavera

pubblicato il 29/06/2020 in Approfondimenti da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2020

Tra le tante cose positive viste nella vittoriosa partita contro il Torino, c’è sicuramente da sottolineare il debutto in Serie A dal primo minuto del giovanissimo Andrea Carboni. 

Difensore centrale nato a Tonara come Marco Sau, classe 2001, 1,85 m distribuiti su una corporatura asciutta ed elastica ed una personalità già da veterano. Queste sono le caratteristiche del prodotto del vivaio rossoblu balzate subito agli occhi degli spettatori, sempre avidi di nuove conoscenze relative ai beniamini del futuro che si affacciano in prima squadra. 

La prestazione che Andrea ha offerto rispecchia i modi genuinamente semplici dei sardi: 90 minuti essenziali ma impeccabili, a parte un cartellino giallo immeritato incassato nella parte finale della sfida. Sempre concentrato e pronto ad intervenire, non ha mai dato impressione di trovarsi in difficoltà. Il che, per un ragazzino gettato improvvisamente nella mischia tra i grandi, è già un bel biglietto da visita.

A Zenga il merito di aver avuto il coraggio di lanciarlo in un campionato dove tendenzialmente si fa fatica a dare fiducia ai giovani calciatori, ancor di più se ricoprono un ruolo nevralgico come il difensore centrale. Per Carboni invece i più sentiti complimenti e l’augurio che quella contro i granata sia la prima di una lunga serie di partite, ovviamente giocate con addosso la maglia rossoblu del Cagliari.