Come crescere in attacco

Le soluzioni del Cagliari per essere più incisivo là davanti

pubblicato il 18/10/2019 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
foto: gazzettadiparma.it

I gol per ora non sono mancati, lo dicono i numeri, sono 6 partite di fila infatti che il Cagliari va almeno una volta a segno, ma si può e si deve sempre crescere. Soprattutto se si parla di un reparto come quello offensivo, orfano di Leonardo Pavoletti e con un nuovo leader: Giovanni Simeone.

Il Cholito presenta caratteristiche diverse rispetto a quelle del bomber con la 30, dialoga maggiormente con i compagni e ama attaccare la profondità, per cui va servito seguendo un determinato tipo di gioco. I cross dalle fasce sono ancora un'opzione valida nel DNA dei sardi dopo due anni con Pavoloso, ma bisogna trovare anche altre soluzioni.

Il problema di questo Cagliari infatti non sono tanto i gol, che bene o male arrivano, ma le occasioni create. Un miglioramento dei rossoblu è che adesso arrivano con più passaggi nella trequarti avversaria, senza la solita palla lunga dalla difesa, ma negli ultimi 20 metri manca sempre qualcosa, l'ultimo tocco, il passaggio a scardinare la retroguardia, un pizzico di inventiva.

Per questo sarà importante il ruolo di Nainggolan in tutto questo. Dopo una fase da regista, Maran si è finalmente convinto ad avanzarlo nel suo ruolo naturale, e appena il Ninja salirà di condizione sarà curioso vedere come sarà il Cagliari in avanti. Anche Castro sarà determinante, perché ama la palla a scavalcare i difensori e ha il piede per mettere in difficoltà chiunque.

Entrambi sono due giocatori molto accentratori, e durante la manovra offensiva una volta che questi portano palla, si potrebbe liberare lo spazio per l'inserimento degli esterni, che andrebbero a creare densità.

Resta poi da affinare l'intesa tra Joao Pedro e l'ex Viola, i due dialogano ancora troppo poco. Il brasiliano tiene molto palla, a volte eccessivamente, Simeone il più delle volte fa il movimento e non viene servito. Ci vuole più velocità di pensiero e lucidità, e le occasioni verranno fuori.