Non sarebbe male

Daniele Ragatzu si merita una chance

pubblicato il 18/10/2019 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
foto: youtg.net

Contro il Pogon è stato inserito dal primo minuto, per poi restare in campo fino al fischio finale, dando ragione a Maran con una prestazione convincente, impreziosita dal cross che ha dato vita al vantaggio firmato Simeone. Daniele Ragatzu non ha bisogno di presentazioni, si è fatto conoscere già da ragazzino con la maglia del Cagliari, per poi partire per altri lidi ma senza riuscire ad emergere come ci si aspettava.

Quest'anno è rientrato alla base, e potrebbe dare una mano non indifferente se impiegato in alcuni frangenti del campionato. Premesso che i titolarissimi sono il Cholito e Joao Pedro, il classe 1991 troverà poco spazio durante l'arco della stagione, ma non è detto che faccia sempre panca. Una delle sue qualità principali è di far bene a partita in corso, per cui il suo apporto, anche per 20 minuti, non sarebbe male. Insieme a Cerri va a costituire il piano B in attacco, e nel caso sia indisponibile uno tra il 10 e il 99 potrebbe toccare a lui anche dal fischio d'inizio.

L'ex Olbia sicuramente si merita una chance, se non altro per l'attaccamento alla maglia e per l'impegno, con la consapevolezza però di essere lontano dal livello di Simeone & Co. Se è stato richiamato in Serie A però un motivo ci sarà, e Ragatzu aspetta l'occasione per dimostrare che i dirigenti rossoblu non si sono sbagliati sul suo conto. Contro la Spal non partirà dall'inizio salvo calorosi colpi di scena, ma se la gara dovesse essere in bilico intorno al 70' o giù di lì, un'occhiata in panchina dalle parti del numero 26 Maran potrebbe anche darla.