Rastelli: "Avremmo meritato di più. Da domani cercheremo di lavorare sulla testa"

Le parole del tecnico rossoblù in conferenza stampa

pubblicato il 14/03/2016 in Ultim'ora da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
Foto: www.blogcagliaricalcio1920.net

Il Cagliari subisce la seconda sconfitta casalinga consecutiva: 2-0 contro il Perugia. Ecco le parole in sala stampa del tecnico rossoblù Rastelli:

"Abbiamo giocato il miglior primo tempo del girone di ritorno e siamo andati a riposo in svantaggio. I ragazzi, per come si sono allenati, meritavano di più e al primo tiro in porta abbiamo subito gol.

Nel secondo tempo siamo stati molto confusi e abbiamo giocato in maniera confusa. Sta a noi ora reagire e ricompattarci, dobbiamo trovare lucidità e serenità.

Gran parte delle sconfitte senza Di Gennaro ma è ovvio che, se la squadra è costruita in un certo modo, se poi ti mancano tanti interpreti non puoi pensare di fare lo stesso calcio.

Con Cerri volevo verticalizzazione e andare velocemente alla conclusione. Questa settimana ritroverò un po' tutti e questo darà serenità anche agli altri ragazzi. Quando prendi gol ci sono sempre degli errori, dovevamo fare più diagonale con i centrocampisti e uno dei due centrali poteva fare meglio.

Sappiamo che João puo dare di più più in avanti ma con tanti giocatori assenti, appena recuperati, e con una squadra avversaria che aveva molto difensori, ho fatto una scelta precisa schierando Pedro là.

Quando mancano molti giocatori può darsi che i giocatori più esperti si carichino addosso il peso della squadra e questo può pesare. Oggi hanno dato tutto e non ho niente da rimproverargli, però non basta. Per questo, da domani, saremo tutti insieme. Dovrò lavorare sulla testa e sul corpo ma la testa, in questo momento, è la cosa più importante.

Dobbiamo anche lavorare su alcune cose che non stanno funzionando, sul fatto che prendiamo troppi gol. Dobbiamo ritrovare solidità ed equilibrio. Se oggi fossimo andati in vantaggio nel primo tempo sarebbe stata un'altra partita.

Ho sostituito Barreca perché aveva perso lucidità e da quella parte stavamo spingendo molto. Cerri dà tutto se stesso, è molto giovane e con la sua stazza è difficile essere determinante se giochi poco. I fischi fanno dispiacere. Melchiorri? L'ho messo solo perché Sau era stanchissimo".