Balzano: “Felice per il rinnovo, per me una grande sfida. Siamo la squadra da battere”

Conferenza stampa stamani per il difensore rossoblù, fresco di rinnovo contrattuale. Ecco le sue dichiarazioni

pubblicato il 31/07/2015 in Ultim'ora da Marco Zucca (inviato)
Condividi su:
Marco Zucca (inviato)
www.blogcagliaricalcio1920.net

Antonio Balzano ha rinnovato il proprio contratto con il Cagliari fino al 2018. Una bella notizia, ed un legame sempre più forte tra il terzino, il club rossoblù ed i tifosi, che sperano di vedere il buon Antonio tra i protagonisti della stagione che chiamerà il Cagliari al pronto riscatto e alla immediata promozione nella massima serie.

Stamani, presso il Centro Sportivo di Asseminello, conferenza stampa per il difensore, che incontrerà la stampa alle ore 12:00. Segui la diretta insieme a noi.

La sala stampa va a gremirsi, tra poco si inizia.

Antonio Balzano fa il suo ingresso in sala stampa proprio in questo momento:

"Soddisfatto per il rinnovo del contratto. Ne avevo già parlato lo scorso anno. Sono contento, per me è una sfida grande, Cagliari rappresenta un'isola e cercheremo di lavorare duro per raggiungere l'obiettivo.

L'ambiente è mutato, ma ci deve essere l'euforia giusta per dare serenità alla squadra. Ciò dipende dai risultati che speriamo di raggiungere al più presto.

Quest'anno chi è rimasto come me è amareggiato per come è terminato lo scorso campionato.

Sono stati fatti errori ma cercheremo di porvi rimedio. Con Rastelli c'è un ottimo rapporto, lui è stato bravo a non riprendere il discorso dello scorso anno. Vuole fame e determinazione da parte nostra, e noi lo dimostreremo. Io quando sono arrabbiato trasformo la mia rabbia in motivazione. Anche se l'anno scorso nessuno si è mai risparmiato. Purtroppo qualcosa è andato storto.

Rispetto a Zeman, gioco e modi di allenamenti sono diversi. Rastelli è un mister completo, sono soddisfatto di come stiamo lavorando. Dobbiamo dimostrare di essere squadra, perché il campionato di B non è facile.

La contestazione contro il Real Zaragoza? Non fa piacere, dispiace, ma ci sta, ti vengono in mente i brutti momenti dell'anno scorso, ma bisogna dimostrare che siamo diversi. Quando sei in campo non devi curarti troppo di ciò che accade in curva.

L'inizio tardivo del campionato? Non è un grande problema, avremo più tempo per prepararci. Noi squadra da battere? Si, perché il Cagliari è il Cagliari e tutti giocheranno alla morte contro noi. Chi può competere con noi è Pescara, Cesena, Livorno, Spezia.

Nuovi compagni? Fantastici! Si respira in qualsiasi anno una bella aria, il gruppo è meraviglioso. Tutti abbiamo un unico obiettivo".