Primavera, impresa del Cagliari: 1-0 sull’Atalanta, Solinas gol, Carboni super. La cronaca

Rossoblù vincenti contro la forte compagine Lombarda

pubblicato il 08/04/2015 in Settore Giovanile da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
foto: www.blogcagliaricalcio1920.net

MONASTIR – Dal nostro inviato Pietro Piga

Basta un tempo al Cagliari per conquistare la vittoria ai danni dell’Atalanta. Al Comunale di Monastir, ormai sede delle gare casalinghe della Primavera rossoblù, i ragazzi di mister Pusceddu si sono imposti sulla compagine bergamasca con il risultato di 1-0.

Primo tempo. Subito in avanti gli ospiti, che con un tentativo aereo di Napol sfiorano il vantaggio. La risposta del Cagliari non si fa attendere: al 3’, Monni recupera la sfera sulla trequarti e appoggia per Granara, che a sua volta serve sul filo del fuorigioco Manca, che viene anticipato dall’uscita bassa di Merelli. Tre giri di lancetta più tardi, il Cagliari sblocca l’incontro con Solinas che raccoglie un pallone dalla destra, si accentra e dal limite dell’area di rigore batte sul suo palo Merelli. L’Atalanta si riaffaccia dalle parte di Carboni con un velleitario calcio di punizione firmato Marchini, che viene fatta facile preda dal numero uno sardo. Ancora Carboni, prima in uscita bassa su Tulissi e poi su Parigi, salva il risultato. Ghiotta opportunità al 10’ per la squadra di Bonacina con Tulissi, che salta con un tocco sotto Carboni, ma sulla linea di porta arriva il provvidenziale salvataggio di Usai. Sul finale, doppia chance sempre per La Dea: al 29’ ci prova in rovesciata Kiesse, blocca Carboni; e due minuti più tardi, invece, con la porta spalanca calcia alle stelle Napol.

Secondo tempo. La prima occasione della ripresa capita sui piedi di Manca, che da posizione defilata sfiora il palo alla sinistra di Merelli. Al 3’, viene chiamato in causa Carboni, che abbassa la saracinesca sulla botta di Tentoni. Non ci sta l’Atalanta, e continua a premere sull’acceleratore imbastendo azioni offensive in rapida successione. Napol, sugli sviluppi di un calcio d’angolo, svetta più in alto di tutti senza riuscire ad inquadrare lo specchio. Sempre di testa è Gatti a mettere i brividi a Carboni, palla fuori di poco. Al 16’, manco a dirlo, è sempre Carboni a sventare la minaccia nerazzurra (questo pomeriggio con il completo bianco da trasferta) smanacciando la botta di La Vigna. E’ un assedio quello di capitan Cavagna e compagni, che al 26’ si divorano l’1-1 proprio con il numero quattro. Dopo una mezz’ora a subire gli attacchi avversari, il Cagliari esce dal guscio e crea subito un grattacapo a Merelli, che rimane immobile sul radente di Solinas. Il match si innervosisce, e il direttore di gara è costretto ad estrarre diversi cartellini gialli in pochi minuti. Al 31’, il tiro a giro di Napol si stampa sulla traversa, e il successivo tentativo di Cavagna si spegne sul fondo. Al 38’ e al 44’, rispettivamente su Tulissi e Tentoni, Carboni risponde presente. L’ultimo sussulto della sfida è di Ranieri, che scheggia la traversa dalla distanza.

IL TABELLINO

CAGLIARI: Carboni, Pinna, Arca, Scanu, Granara, Usai, Manca (23’st G.Piras), Muroni, Monni (47’st G.M.Piras), Murgia, Solinas (32’st Scintu). A disposizione: Galizia, Cappai, Loi, Contu. Allenatore: Pusceddu.

ATALANTA: Merelli, Messina (6’st La Vigna), Forgács (29’st Ranieri), Cavagna, Kresic, Gatti, Tulissi, Kessie, Parigi (37’pt Tentoni), Napol, Marchini. A disposizione: Turrin, Di Giovanni, Kecskés, Castellano. Allenatore: Bonacina.

Arbitro: Capraro della sezione di Cassino.

Marcatori: 6’pt Solinas.

Note: ammoniti Granara, Tentoni, Tulissi, Kessie, Pinna. Spettatori: 200 circa.