SCONFITTI A DOMICILIO

Il Cagliari Primavera cade 1-0 contro il Palermo: Verde sbaglia il rigore del pari nel finale. La cronaca

pubblicato il 06/04/2019 in Settore Giovanile da Antonello Cossu
Condividi su:
Antonello Cossu
2018

Il Cagliari Primavera di Max Canzi scende in campo ad Asseminello contro il Palermo in una sfida importante per entrambe le compagini. I rossoblù vorranno dare continuità alla bella vittoria ottenuta contro la Fiorentina, seconda in classifica, mentre i rosanero hanno bisogno dei 3 punti per sperare ancora nella salvezza.

La prima frazione non regala spunti degni di nota a causa dell'alta posta in palio, da segnalare solamente una buona occasione di Lella al 3' minuto e la risposta di Santoro al 36', entrambe conclusesi in un nulla di fatto. I primi quarantacinque minuti si chiudono così sul punteggio di 0-0, ritmi bassi e poche emozioni.

La seconda frazione si apre con il Cagliari che parte forte alla ricerca del vantaggio. Al 55' Doratiotto va vicinissimo al gol ma Avogradi è bravissimo a fermare l’attaccante rossoblu Al 69' però, superata la sfuriata dei padroni di casa, è il Palermo a mettere la freccia con Gambino su cross di Mendola. Incassato il gol, i sardi provano a riassestarsi e a dieci dalla fine colpiscono il palo con Doratiotto, veramente sfortunato in questo frangente.

Nel finale il Cagliari spreca anche il rigore che sarebbe valso il pari: Verde, portatosi nel frattempo sul dischetto, calcia alto. Il match termina così 0-1 per il Palermo che guadagna 3 punti fondamentali per la Salvezza, Cagliari più lontano dal sesto posto.

Tabellino

Marcatori: Gambino (P);

Cagliari: Daga, Kouadio, Porru (78′ Cadili), Carboni, Ladinetti, Boccia, Marigosu, Lella (73′ Contini), Verde, Lombardi, Doratiotto. A disp.: Cabras, Albini, Perussutti, , Kanyamuna, Cannas, Iovu, Desogus, Manca.

Palermo: Avogadri, Petrucci, Gallo, De Marino, Fradella, Costantino (46′ Mendola), Sicuro (46′ Lucera), Rizzo, Birligea, Santoro, Cannavò (65′ Gambino). A disp.: Al Tumi, Correnti, Leonardi, Angileri, Ruggiero, Montaperto, .

Ammoniti:

Espulsi: