Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato? Accedi

Password dimenticata? Recuperala

Ranieri: "Risultato non soddisfacente, la prestazione sì"

"Se avessimo vinto 2-0 nessuno avrebbe detto nulla"

Condividi su:

Cagliari-Udinese è terminata con il risultato di 0-0 e Claudio Ranieri è appena arrivato in sala stampa per commentare la prestazione contro gli uomini di Sottil.

Ecco le sue parole:

"Il risultato non può soddisfare, ma la prestazione sì. Abbiamo giocato contro una squadra fisica e dinamica, sono soddisfatto. Prati? Mi è piaciuto molto, sembra un veterano, l'ho cambiato solo perché me l'ha chiesto lui. Shomurodov? Sono soddisfatto anche di lui, ha dato tutto. Radunovic? Tutti i portieri sbagliano, la cosa importante è come ti butti alle spalle gli errori. E lui l'ha fatto, senza quella parata stavamo parlando di altro. Abbiamo creato quattro- cinque palle gol nitide.

Caldo? I ragazzi erano esausti, più che il caldo è l'umidità che ti disidrata. Sono contento comunque perché questa è la strada da intraprendere.

Quattro partite un solo gol? Deiola ha avuto tre quattro palle gol, ma l'importante è aver intrapreso una strada diversa. Noi non dobbiamo uscire dal campo sconfitti, anche se perdiamo.

Dobbiamo migliorare ancora, Chatzīdiakos ha fatto solo una settimana di allenamento, ma mi è piaciuto.

Cosa non mi è piaciuto? Poche cose. Dobbiamo essere più precisi nei movimenti tattici, ma se avessimo vinto 2-0 nessuno avrebbe detto nulla.

Calendario difficile? Spero di aver catechizzato i miei giocatori, perderemo più partite di quelle perse in Serie B. Affrontiamo una squadra alla volta, ora c'è l'Atalanta e pensiamo a questa.

Modulo? Volevo bloccare le loro due punte ma soprattutto gli esterni. Sapevo che avrebbero cambiato dall'altro lato, ma mettendo tre difensori e due esterni sentivo che la squadra sarebbe stata più coperta. Deiola ha fatto un grande lavoro di schermatura così come il resto della mediana.

Prati ha fatto due allenamenti che mi hanno impressionato, così ho deciso di metterlo centrale di fronte alla difesa. Ha una capacità nel vedere il compagno marcato che altri suoi compagni non hanno. Ora studieremo l'Atalanta e vedremo come potremo creare problemi".

Condividi su:

Seguici su Facebook