Tutti i numeri (anche record) di questo Cagliari da sogno

Difesa, attacco, media punti, imbattibilità e tanto altro: i rossoblu sono grandi in tutto

pubblicato il 13/11/2019 in Numeri e Statistiche da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias

Questo Cagliari è grande anche nei numeri. Le statistiche della Serie A confermano il cammino sorprendente dei sardi, che per una volta guardano dall'alto del proprio terzo posto le big, insieme a Lazio, Inter e Juventus, il meglio del meglio in questo momento.

Iniziamo dai gol realizzati: il Cagliari non è mai stato un carro armato sotto questo punto di vista, ma durante la stagione ha messo a segno 23 reti in 12 partite, più della Juve e meno solo di Atalanta (30), Lazio (28) e Inter (26). Ancor meglio però sui gol concessi, con la retroguardia rossoblu che presenta la terza miglior difesa del campionato, con 12 reti subite, alla pari dei nerazzurri di Conte, superata soltanto dal Verona (11!) e la solita Juventus (9). Questo grazie anche ai guantoni di Robin Olsen, il portiere con la percentuale (80%) di tiri parati più alta finora.

Inoltre, è una delle squadre che porta più giocatori a segno (10 finora), come ha dimostrato con la Fiorentina nell'ultima domenica, dove hanno timbrato il cartellino 5 marcatori diversi. Senza scomodare poi la mitica squadra dello scudetto, bisogna però dire che questo Cagliari viaggia ai ritmi del 1970. 7 vittorie nelle prime 12 non si vedevano dai tempi di quell'annata storica, e una striscia così lunga di imbattibilità (10 risultati utili consecutivi) risale a 13 anni fa, nel 2006/07, quando sulla panchina dei sardi siedeva Giampaolo. Il record assoluto è di 11 gare di fila senza cadere, e risale, guarda un po', all'anno del tricolore.

Anche il ruolino di marcia fuori casa è impressionante: imbattuta con 3 vittorie e 2 pareggi, senza perdere come solo Juventus, Inter e Atalanta. Gli isolani godono anche del maggior incremento di punteggio tra le squadre della Serie A rispetto alla scorsa stagione, con una differenza sostanziale di +10 punti rispetto al 2018/19 (24 a 14).

Numeri da grande insomma, che dicono, più di ogni altro discorso, che per una volta il Cagliari non lotterà per una semplice salvezza, ma per qualcosa di più.