Rastelli: "Contro l'Entella gara tra le più complesse. Contiamo sui nostri tifosi"

Le parole del tecnico rossoblù in conferenza stampa

pubblicato il 05/02/2016 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
2016

Vigilia di campionato, vigilia di Cagliari-Entella. Ad Asseminello, consueta conferenza stampa di Mister Rastelli.

Seguiremo l’evento in diretta a partire dalle ore 17:00. Tanti i temi da affrontare anche in occasione del match di domani alle 15:00, da valutare le condizioni di Di Gennaro, capire chi scenderà in campo con l’unico obiettivo di vincere e guadagnare punti sul Crotone (oggi impegnato in casa del Bari) e scappare cercando di piazzare l’allungo decisivo per vincere il campionato.

Ci siamo, pochi minuti e il mister farà il suo ingresso in sala stampa. La squadra ha completato la rifinitura ed è tutto quasi pronto per l'inizio.

Come sempre si sistemano microfoni, telecamere e registratori. Siamo in attesa del tecnico rossoblù.

Rastelli è in ritardo, la speranza è quella che non ci siano infortuni dell'ultimo minuto. Ricordiamo che mancherà Munari per squalifica, Capuano per via di una distorsione, in dubbio la convocazione di Di Gennaro.

Sono ormai 10 i minuti di ritardo, attendiamo per comprendere se tutto è ok.

Ecco il Mister, si comincia. Ecco le sue dichiarazioni:

"Infortunati? Di Gennaro non è convocato,abbiamo provato fino alla fine a recuperarlo ma non abbiamo potuto far niente. Capuano è convocato, facciamogli riassaporare il clima della prima squadra.

Può capitare di avere il centrocampo in emergenza tra squalifiche e infortuni ma l'organico ci permette di sopperire. Ho ancora dubbi, come sempre. Ci sarebbero cinque giocatori per due maglie, visto che ho convocato Colombatto.

Tello? Non è scomparso ma, visto che avevo tutto l'organico a disposizione, ho puntato su di Gennaro, Fossati e Munari. C'è stato meno spazio per lui come per Deiola. Ma non è sparito perché non ho cambiato idea su di lui dopo Salerno.

Dimentichiamoci le precedenti gare contro l'Entella. Si sono rinforzati con elementi che ne hanno aumentato la qualità. Non facciamo l'errore di pensare che sia una gara facile o abbordabile, come ho letto da qualche parte. Anzi, penso che possa essere una delle gare più difficili.

Domani vorrei vedere lo stadio pieno e sentire il calore del pubblico, come contro la Pro  Vercelli. Mi auguro che la gara vada come le ultime prove ma ogni partita ha la sua storia e l'Entella in questo momento è una squadra in grande condizione, sia fisica che mentale. Ma dal centrocampo in su hanno qualità. Ovviamente dipende tutto da noi.

Esterni di difesa? Ho quattro giocatori forti che stanno vivendo tutti un ottimo momento ma io scelgo sempre i giocatori in grado di darmi determinate garanzie in base alla gara che dobbiamo fare. Comunque con loro vado sul sicuro.

Ogni tanto paghiamo il fatto di non avere giocatori con un grande fisico ma sopperiamo con altre caratteristiche. Contro l'Entella dovremo essere attenti, viste le loro qualità fisiche (una delle squadre con l'altezza media più alta).

Sau sta bene, stanno tutti bene. Turnover? Dipenderà dal momento, per ora non posso escludere nulla"

Cerri? Ha le stesse possibilità di tutti. Io valuto le caratteristiche di tutti, lui si sta dimostrando molto utile, vediamo. È stato quello che ha avuto meno possibilità di giocare dall'inizio ma si è sempre rivelato decisivo a gara in corso, soprattutto negli ultimi due mesi. È cresciuto molto".