Maran: "Un grazie a Riva per le parole nei nostri confronti, non esiste nessun caso Nandez"

"Continuiamo a dare il massimo: avanti con fame indefinibile"

pubblicato il 09/11/2019 in Live da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
foto: sport.sky.it

É la vigilia di Cagliari-Fiorentina (ore 12.30 alla Sardegna Arena), match valido per la 12^ giornata di questa Serie A che vede i rossoblu quarti, alla pari di Lazio e Atalanta. L'avversario di domenica sarà la Viola di Vincenzo Montella, reduce dall'1-1 casalingo col Parma. Un successo prima della sosta di novembre vorrebbe dire 10 risultati utili consecutivi per i sardi, nonchè settima vittoria su dodice gare di campionato, per inseguire un sogno chiamato Europa.

Alle 13.00, dopo la rifinitura, il tecnico dei rossoblu Rolando Maran incontrerà i media nella sala stampa di Asseminello.

Il live testuale sarà garantito dalla nostra inviata Alexandra Atzori. 

Amici sportivi buongiorno dalla sala stampa di Asseminello, tra poco il consueto appuntamento del giorno prima la gara con Mister Maran. 

Ed ecco mister Maran, si comincia. Ecco le sue dichiarazioni:

"Prima di iniziare, l'uomo simbolo di questa squadra ha compiuto gli anni e vorrei unirmi agli auguri a Gigi e ringraziarlo per le belle parole spese nei nostri confronti. Ci ha detto delle cose che dobbiamo fare nostre, come il fatto di continuare così, uniti, nel rispetto dell'avversario e senza mollare mai.

L'affetto dei tifosi domenica, la corsa al botteghino e queste parole di Gigi non fanno che aumentare l'orgoglio ma servono anche per farci stare con i piedi per terra e continuare a lavorare.

Il sistema adottato a Bergamo lo stiamo già usando da qualche settimana a prescindere dall'avversario, abbiamo cambiato qualcosa già da un po' e l'ho deciso per sfruttare al meglio le caratteristiche dei miei e per continuare nel nostro percorso di crescita.

La cosa importante è che questo periodo di entusiasmo non ci sta facendo 'spegnere' ma ci sta dando carburante per continuare sempre con la stessa voglia e lo stesso entusiasmo e quando i ragazzi lavorano in questo modo non c'è nulla da rimproverare perché stanno dando il massimo​.

Nel gol di Oliva ho trovato alcune cose per sorridere: era il gol che ci permetteva di mettere al sicuro il risultato, poi ha segnato un ragazzo che da quando è arrivato ha dato tanto ed è cresciuto tanto, e poi ero contento perché Giovanni aveva fatto benissimo in una situazione per cui la settimana scorsa l'avevo ripreso​.

Mancano i soliti più ceppi e Birsa. La Fiorentina viene da quattro risultati utili consecutivi, ha un attaccante che è quello che tira di più in campionato ed è anche quella che ha terminato più gare con la porta inviolata. È cresciuta tanto e ha trovato una sua identità.

Ci siamo guadagnati il rispetto sul campo ma dobbiamo consolidare queste cose positive che stiamo facendo e che abbiamo fatto finora. Dobbiamo avere sempre più fame anche perché più passa il tempo e più diventa difficile e questo è un lavoro che dobbiamo fare continuamente. Questo lavoro vedo però che da parte dei ragazzi continua ad esserci​.

Io quando parlo del percorso che abbiamo fatto da un anno e mezzo a questa parte parlo del fatto che abbiamo fatto crescere un gruppo che poi si è integrato con altri giocatori che sono arrivati per farci crescere ulteriormente. Rispetto all'anno scorso è aumentato un po' il livello della rosa e, quando aumenta il livello della rosa, è normale che aumentino anche le prestazioni. I risultati che stiamo ottenendo oggi sono anche il risultato di un lavoro che viene da lontano​.

Nainggolan? L'ho detto spesso, è un giocatore che può interpretare tanti ruoli e lo fa bene in ogni caso. È un calciatore moderno che riesce a fare tutto, qualsiasi cosa l'allenatore necessiti lui può essere d'aiuto​.

I ragazzi che ci sono in rosa sono tutti in condizione di mettermi in difficoltà nelle scelte, lo dico già da diverse settimane. Sono tutti nelle condizioni di giocare, devo solo scegliere. Le scelte per domani? I ragazzi ancora non sanno niente e non mi sembra giusto che sappiano la formazione dai giornali. Voglio che siano sempre sul pezzo e che la Fiorentina sia il loro unico pensiero​.

La Fiorentina ha un ottimo potenziale e anche se manca Ribéry riescono a sopperire. Domani potrebbe essere una di quelle gare che conterrà tante gare al suo interno e noi dovremo essere bravi a leggere bene i vari momenti. Loro sono veloci. La gara di domani deve essere uno stimolo ulteriore, dobbiamo essere consapevoli del fatto che possiamo mettere in difficoltà chiunque​.

Sarebbe stato bello vedere Ribéry ma io penso ai miei.​

Fioretti? Io penso giorno per giorno, pensare al lungo periodo non è nel mio modo di essere. Come ha detto anche Gigi, dobbiamo viverci il momento. Poi, se dovesse succedere, ci penseremo.

Il fatto che ci divertiamo in campo deve essere il nostro carburante perché l'entusiasmo che avvertiamo ci spinge a fare sempre meglio. Dobbiamo sapere che passa tutto attraverso le partite, le prestazioni, e solo così arrivano i risultati.

Simeone? Ha ancora grandi margini di miglioramento e il fatto che abbia corretto una situazione in cui la settimana prima aveva fatto un errore, è un grande segnale. Ha tanto entusiasmo e vive per il calcio. può crescere davvero tanto​.

Nandez? È tranquillo, si sta allenando bene e sta bene. Lui e Simeone sono stati gli organizzatori dell'asado offerto alla squadra, alla società e ai collaboratori... Questo credo smentisca il suo mal di pancia, vedo da parte sua una grandissima partecipazione.

Gli sconvolts oggi sono venuti a spingerci e farci sentire il loro entusiasmo e sentire questo calore ci deve spingere a fare sempre meglio. Ci ha fatto piacere che siano venuti, abbiamo sentito il loro sostegno​.

Difficile capire chi è il 10? La capacità dei giocatori di avere duttilità, basti pensare i ragazzi che si sono alternati in campo a Bergamo per trovare spazi, è una grande risorsa".