La voce dei tifosi: un punto a Milano non mette tutti d'accordo

Diamo voce ai tifosi rossoblù dopo il pareggio di Milano

pubblicato il 24/02/2014 in La Voce dei Tifosi da Maurizio Lasio
Condividi su:
Maurizio Lasio
I meravigliosi tifosi del Cagliari

Come ogni settimana torna la rubrica che dà la possibilità ai tifosi rossoblù di dire la loro dopo la gara del Cagliari. Pareggio importante quello di ieri a San Siro, questa la voce dei tifosi:

Alex contento del pareggio:

“Buonissimo pareggio.”

Giovanni felice del punto ottenuto e spera in una striscia vincente di vittorie per uscire dalla zona retrocessione:

“Ottimo punto, ora però bisogna vincere qualche partita per non venire risucchiati dietro.”

Secondo Simone un pareggio contro una squadra del blasone dell'Inter vale quasi una vittoria:

“Un pareggio a Milano contro l'Inter è sempre un punto guadagnato... però bisogna vincere con quelle a pari livello.”

Anna non si accontenta e si augura che il Cagliari si possa salvare:

“Un buon punto ma si deve vincere; forza Cagliari ti devi salvare!”

Emanuela guarda già alla sfida di domenica prossima e vorrebbe solo la vittoria:

"Così così, ci accontentiamo muoviamo la classifica ma contro l'Udinese l'imperativo è vincere!”

Marco preoccupato per i tanti indisponibili in vista di Udinese-Cagliari:

“Con l'Udinese mancano oltre che Pisano pure Dessena, Ekdal e forse anche Cossu per contusione.”

Secondo Angelo, Lopez sembra aver capito la formazione giusta da schierare:

“Lopez ha capito la squadra che deve mettere in campo; se non si osa non si va da nessuna parte. Ora domenica ci sarà un centrocampo da inventare.”

Secondo Tony le brutte prestazioni sono dovute anche alla preparazione scadente fatta nel precampionato:

“Sara' la volta di Ibraimi? Sono sempre più convinto che è stata fatta una brutta preparazione, dopo sessanta minuti si fermano, anzi Pinilla anche meno.”

L'attenta analisi di Massimiliano:

“Finalmente si rivede il vero Cagliari! Gioca a visto aperto e per tutto il primo tempo tiene il pallino del gioco e passa meritatamente in vantaggio su rigore. Dovrebbe esserci anche l' espulsione del giocatore colpevole del fallo di braccio in area, ma l'arbitro lo grazia e non si sa perché...mah! Meglio tacere. Nel secondo tempo è l'Inter che spinge e dopo il Cagliari arretra di una quindicina di metri il suo baricentro e becca un goal per un errore di posizione individuale del difensore. Ma il risultato alla fine è giusto. Strano che il presidente sicuro partecipante alla partita non si sia visto.”

Nadia rammaricata per la vittoria sfumata per poco:

“Peccato un bel primo tempo per il Cagliari! La partita poteva finire li. Peccato veramente perché  abbiamo lasciato tre punti che ci servivano come il pane!”