I tifosi: "Grande Cagliari e grande vittoria! A marzo ben altra classifica"

I commenti dei supporters rossoblù al termine di Cagliari- Bari

pubblicato il 20/12/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
2015

Il Cagliari sfrutta il pareggio del Crotone contro il Latina e si porta a -1 in classifica. I rossoblù hanno sconfitto il Bari con un po’ di fatica sul finale di gara, complice anche un doppio errore di Sau e Cerri sul rigore battuto dal numero 25 sardo.

Alla fine, comunque, i tre punti sono arrivati e si può guardare con più tranquillità alla gara di giovedì a Salerno, dove mancheranno Joao Pedro e Farias, entrambi diffidati e ammoniti.

Ma cosa ne pensano i tifosi di questa gara? È piaciuta o c’è qualcosa che avrebbero fatto diversamente?

Vi lascio ai commenti, buona lettura.

Il Cagliari siamo noi!

Andrea: "É stata una vittoria strameritata, più di quanto dica il 2-1 finale. C'era una sola squadra in campo e il gol del Bari è arrivato casualmente con l'unico tiro in porta del primo tempo. Nella ripresa abbiamo avuto le occasioni per chiuderla ma non ci siamo riusciti: l'arbitro oserei dire che è stato scandaloso, applicava due pesi e due misure a ogni contatto. Non è più un caso, dobbiamo essere più forti anche di questo. Avanti così #FORZACASTEDDU".

Francesco: "Ho visto grinta e determinazione. Abbiamo commesso molte ingenuità ma l'avversario era una squadra tosta. Vittoria meritata, mi sono piaciuti Fossati e Salomon che continuo a 'vedere' in coppia con Krajnc. Continuamo così. Forza Cagliari!".

Nando: "É stata una vittoria meritatissima ma il risultato ci sta stretto. Questa sarebbe stata una una partita da 4-1".

Carmen: "Ci sono state le solite discutibili decisioni arbitrali che hanno visto cartellini gialli solo per i rossoblù. Lo stesso fallo, fatto e sanzionato a Ceppitelli, è passato inosservato quando l'ha subito Salomon, per non parlare della palla uscita dalla linea, che Boateng ha potuto continuare a giocare. É stata ancora una buona la prova del Cagliari, nonostante un Cerri da infarto, mentre continua a migliorare Ceppitelli, nonostante faccia falli ingenui. Balzano è meglio sulla destra".

Giuseppe: "Ho solo un solo rimprovero: ci vuole più cinismo sottoporta. Salamon è stato gigantesco, Farias straripante, centrocampo in debito d'ossigeno e infine un bravo a mister Rastelli".

Marco: "Grande forza! Finalmente Rastelli ha tirato fuori e messo in campo i veri titolari, considerando che altri due non c'erano per ovvi motivi. Ma la vera formazione è quella con Dessena e Di Gennaro. Poi due veramente fortissimi sono Salomon in difesa e Melchiorri in attacco: lui mi ricorda moltissimo Muzzi!".

Pier Paolo: "Siamo stati superiori in ogni reparto, ma forse meno cattivi degli avversari e anche Storari dimostra ogni tanto un po' di superficialità. Sono troppe tre reti subite nelle ultime tre partite su punizioni non imparabili e sempre tirate sul proprio palo. Quando i giocatori capiranno che in serie B bisogna essere, oltre che bravi, anche più cattivi, stravinceremo il campionato".

Luigi: “Verso marzo si potrà veramente vedere un’altra classifica e Cagliari e Bari saranno molto più avanti di Crotone e Novara perché le rose sarda e pugliese sono molto superiori rispetto alle altre due. Restiamo sereni e un buon Natale a tutti”.

Antonius: “Piano piano Tello sta diventando un ottimo giocatore”.

Max: “Che partita ragazzi! Abbiamo battuto quella che, insieme a noi, è la squadra più forte del campionato, quindi una vittoria che è valsa doppio! Vedrete che alla fine saranno queste due squadre ad ottenere la promozione diretta in Serie A, tra un paio di mesi Crotone e Novara non saranno dove sono ora ma parecchio sotto. Rastelli ha detto una cosa giusta: ‘Tra un paio di mesi la classifica sarà molto diversa’”.

Deidda: “Ma come ca**o è possibile che, ogni volta, ci fanno un tiro a partita su punizione e, ogni ca**o di volta, Storari prende gol?”.

Nicolò: “Min***a, ovviamente tutti vedono l'errore di Storari e non il fatto che
facciamo sempre dei falli idioti da zone pericolose quando non ce n’è bisogno. Storari aveva responsabilità sui due precedenti gol ma, su questo, era difficilissimo: quei palloni devono essere presi dai difensori e il portiere li vede all'ultimo”.

Geppi: “C’erano due esterni sinistri in panchina, per di più offensivi, e Balzano era in perenne difficoltà al loro posto. Il centrocampo e la difesa barese erano alquanto lenti e chi mette Rastelli? Munari! Ma secondo voi la velocità, la tecnica e la voglia di un Barella non sarebbero serviti per sfruttare una probabile superiorità numerica oltre il centrocampo, ed evitare quei lanci alti e centrali per cercare gli attaccanti dentro l’area di rigore?”.

Claudio: "Nel secondo tempo abbiamo commesso troppi errori e siamo stati meno concentrati. Cerri, a parte il gol sbagliato, sbaglia troppi passaggi e sembra un giocatore da oratorio. Farias a volte si innamora troppo della palla. Va bene la vittoria, ma a volte i secondi tempi così portano a sonore batoste".

Alessandro: "Questi sono tre punti d'oro, contava solo vincere. Ho visto un grande Salomon, secondo me in attacco siamo stati pericolosi ma troppo individualisti e, sul gol, assolvo Storari (terza rete consecutiva subita su punizione). É stato bravo Rosina a metterla lì, il portiere in quei casi aspetta un tocco. É stato ingenuo il fallo di Tello, fino a quel momento forse il migliore in campo".

In giro per il web

Gian Mario: "Cerri è un ragazzino ma Storari che registra la terza papera con la sua esperienza? E della punizione fischiata a Tello, che c'è da dire? Ciao e forza Cagliari".

Giuseppe: "Che tifosi (tifosi si fa per dire, visto che il Sant'Elia non sanno neanche dove si trovi)! Se la prendono con Cerri e non con Storari, che ha rimesso in partita il Bari".

Maurizio: "Un grande 'forza Cagliari' da un fiorentino che tifa Cagliari dal 1968. Grazie a tutta la squadra, all'allenatore ed un particolare grazie ad un sardo purosangue come Marco Sau, che ha il pregio di provarci sempre perché lui sa che l'importante non è segnare, ma provarci SEMPRE! Forza Cagliari, ti aspetto in serie A!".

Jurj: "Non dobbiamo guardare il Crotone, ma andare avanti dando sempre il massimo! A Crotone tra poche giornate potremo dimostrare chi siamo, ora testa alla Salernitana e tanta determinazione, senza avere paura di nessuno!".

Luciano: "Sotto porta Sau è sempre implacabile, il rigore sbagliato ci può stare, ma il risultato non è mai stato in discussione. Quanta classe e tecnica ha Farias, averlo in B è come mangiare tutti i giorni caviale e champagne, è sempre pericoloso su tutti i palloni. Forza Cagliari sempre".

Alessandro: "Se avessimo realizzato la metà di quello che abbiamo creato avremmo vinto tutte le partite. É andata bene, ma non si può soffrire in questo modo quando palesiamo una superiorità devastante con chiunque. Forza Cagliari, ma c'è da lavorare".

Marco: "Di mentalità di serie A non se n'è vista. Mi spiego: in prospettiva c'è, ma quando si dimostrava la netta superiorità nelle gare era meglio. Prestazioni così convincono solo per il risultato ma, contro una squadra di A, si vedrebbero tanti pregi, molte sconfitte e solo qualche vittoria".

Alessandro: "Cerri mi ricorda Longo, però Storari non si discute. Sul gol non poteva fare niente: quei cross sono maledetti, la palla la vedi all'ultimo momento".

Carlo: "La gara si doveva chiudere molto prima, la prossima volta servono più calma e precisione. Comunque bravi, forza Casteddu".

Simone: "Cerri deve maturare, va bene così. Per quanto riguarda Storari non si discute: anche il miglior portiere del mondo può fare una ca**ata ogni tanto".

Massimiliano: "Forza, bisogna andare a piccoli passi. L'importante è essere lì, la squadra si sta amalgamando, il Crotone si fermerà e il primo posto ce lo riprenderemo. Grande Casteddu!".

Francesco: "Io vorrei soffermarmi un attimino su Cerri, non capisco dove Rastelli trovi il coraggio per farlo giocare, sembra Longo 2 la vendetta: è pasticcione, arruffone, lento, macchinoso, impacciato, in un'unica parola: imbarazzante. Questo ragazzo con il calcio non c'entra nulla, rispeditelo alla Vecchia Signora, vi prego. Già a gennaio possibilmente!".

Antonello: "Non credo ci sia molto da esultare purtroppo, visti gli ultimi quindici minuti anche di questa partita. Ormai è diventata routine soffrire, perdere la testa, andare in confusione totale e bloccarsi, quasi sempre nell'ultimo quarto d'ora. Una squadra con le ambizioni del Cagliari non può permettersi simili figure, rischiando il risultato. Sembra quasi che si finisca la benzina, Rastelli datti da fare!".

Carmela: "Una partita che sembrava quasi stesse giocando la nazionale ai mondiali. Quando la squadra c'è, si vede subito ai primi scambi di palla e, allora, puoi dire: 'sì, vinciamo!'. Abbiamo giocato senza errori, con classe e sempre umili. Bravi ragazzi, questo è giocare da squadra. Vamos, giustiziato anche il Bari!".

Nicola: "Ricordiamoci che il Crotone é un fuoco di paglia, secondo me non resiste tanto e finirà quarto. Non abbiamo scuse che reggano, dobbiamo tornare in serie A, abbiamo i mezzi giusti per farlo!".

Le voci dallo stadio

Rita: “Sono una tifosa del Bari. Devo veramente fare i complimenti al Cagliari perché è proprio una squadra di un’altra categoria. Si è proprio visto che in B non ci fa niente, e noi comunque abbiamo giocato. Speriamo, l’anno prossimo a quest’ora di giocare entrambi nella stessa serie: la A”.

Carlo: “Bella partita, mi sono piaciuti i ragazzi, mi è piaciuta la formazione iniziale e sono d’accordo anche con la scelta di mettere Krajnc: il Bari stava attaccando troppo ed era giusto coprirsi. L‘unica cosa che non mi è piaciuta è sempre quello stramaledetto gol su palla inattiva”.

Mario: “A me non convince ancora pienamente questa squadra. Ha troppe amnesie: capisco se la squadra le mostrasse solo ogni tanto ma il problema è che, ogni volta, appena andiamo in vantaggio, magari doppio, ci rilassiamo e loro ci colpiscono. Mah… Rastelli deve sistemare questo problema”.

Paolo: “Forza Casteddu! Torneremo in serie A”.

Franca: “Buona gara. Però bisogna fare qualcosa per questi arbitri: non dico che questo sia da paragonare a La Penna e Abisso, ma anche lui ha fatto qualche cavolata”.

Emanuele: “Bella gara, a parte i soliti minuti a inizio e fine secondo tempo. Sono i momenti in cui, ogni volta, si soffre di più. I giocatori rientrano addormentati dopo l’intervallo e poi calano sistematicamente nel finale e, ovviamente, l’avversario cerca di approfittarne. Bisogna lavorarci su, Rastelli deve sfruttare la sosta”.

Nicola: “Ho sentito qualche tifoso borbottare. Ma di cosa si lamentano? Siamo secondi, a un punto dalla prima, abbiamo giocato più gare delle nostre dirette concorrenti (perché abbiamo fatto anche la Coppa) e immagino saremo anche più stanchi. È vero, abbiamo qualche punticino meno di quanto meriteremmo, ma come ne abbiamo perso qualcuno in passato immeritatamente, probabilmente ne guadagneremmo qualche altro in futuro, altrettanto immeritatamente. Alla fine l’equilibrio arriva”.

Valerio: “Va benissimo così. Bella gara, abbiamo dimostrato di saper vincere anche soffrendo e abbiamo sfruttato il passo falso del Crotone. L’unica cosa che mi dispiace è che non avremo Joao e Farias giovedì. Buon Natale”.

Daniele: “Che arbitro di me**a che ci hanno mandato! L’errore di Sau ci può stare, ma quello di Cerri no, dai! Quando sei lì davanti non puoi sbagliare così! Comunque a me quel ragazzino piace, chi dice che ricorda Longo di calcio non capisce niente”.

Giuseppe: “Va bene così, l’importante è vincere. Dobbiamo tornare in serie A”.