I tifosi: "Crediamoci, battiamo la Juve e ci salviamo. Festa un grande!"

I commenti dei supporters rossoblù dopo Cagliari – Parma

pubblicato il 05/05/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori

Sembra che il Cagliari voglia giocare con le coronarie dei propri tifosi. Dopo la bella prestazione e la vittoria di domenica scorsa a Firenze, seguita dalla mediocre prestazione e annessa sconfitta di Verona, ieri i rossoblù hanno superato con un rotondo 4 – 0 un Parma già retrocesso ma non per questo meno pericoloso (ricordiamoci che, pur già praticamente retrocesso da mesi, ha fermato squadre come la Juventus). Gli uomini di Gianluca Festa sono stati avvantaggiati da un gol al terzo minuto di Albin Ekdal che ha spianato la strada ai sardi e ha azzoppato gli emiliani, definitivamente stesi nel corso del primo tempo da Farias e M’Poku. A questo punto sembra tornare una piccola speranza tra i tifosi rossoblù: si sa che è, e sarà da qui al 31 maggio, molto difficile ma è giusto provare a riacciuffare questa serie A per i capelli e, si sa, sognare non costa niente. Vi lascio ai commenti, buona lettura!

Il Cagliari siamo noi!

Giuliano: “Bella partita ma superare l'Atalanta è quasi impossibile, fa molta rabbia che questi giocatori solo adesso ci mettano quel pizzico di grinta necessaria che serviva da sempre. In complesso uno dei gruppi peggiori di tutta la storia del Cagliari”.

Massimiliano: “Questa è la dimostrazione che Zeman a Cagliari ha fatto solo danni e Zola non ha fatto meglio! Con un altro allenatore avremmo una classifica diversa , molto diversa da quella di oggi! Certo che se dovessimo retrocedere quest'anno ci sarebbe da fare un grande mea culpa da parte della società, nell’aver scelto allenatori non adatti alla squadra! Sono contento della vittoria di oggi, ma depresso per ciò che abbiamo perso in questi mesi ! Festa al momento meriterebbe un applauso per come ha, in poche settimane, dato alla squadra un equilibrio disarmante rispetto ai suoi predecessori! Che peccato....speriamo nel miracolo”.

Claudio: “E' dura, ma nessuno ha mai scritto come regola che ci si debba salvare con otto giornate di anticipo. Ci si può' salvare o retrocedere anche all'ultima partita. I punti ci sono e non dimentichiamoci che sei punti in un campionato che dà tre punti a partita vinta vogliono dire due partite da vincere. Ne rimangono ancora di punti e l'Atalanta deve fare i suoi, e non è detto che li faccia: per cui, fino a che la matematica non ci condanna, il Cagliari deve provare a vincere tutte le partite, ci deve credere, ancora non siamo in B. FORZA CAGLIARI!”.

Nicolas: “Gran bella partita, finalmente. Carattere e grinta da vendere, con un super Dessena. Il cammino resta difficile, ma con questo gruppo, questa voglia e questo Mister Festa potremmo farcela”.

Flaviano: “Ci sono tante cugurre che tifano Cagliari, ma un tifoso vero non è quello. Il vero tifoso ci deve credere fino all'ultimo e la Dea ci deve qualche cosa. Iniziamo a prendere punti sabato, poi si vedrà. Forza Cagliari tutta la vita… alla faccia delle cugurre”.

Alessio: “Vinciamole tutte poi si vedrà. Certo che salvarsi sarebbe come uno scudetto, per come si erano messe le cose. I primi a crederci però devono essere i giocatori”.

Gabriele: “Una bellissima partita. Grande grinta da parte di tutti, su tutti Dessena e Farias. Non ho mai pensato che il Cagliari retrocedesse e spero in un'impresa e che i giocatori si impegnino fino alla fine e credano fino alla fine alla salvezza. FORZA CAGLIARI!!”.

Antonello: “Secondo me questa partita serve per risollevare il morale e all’allenatore per inquadrare meglio le posizioni da tenere in campo. Se con la Juve facciamo la partita della vita e l’Atalanta e il Palermo non fanno il biscotto, ci possiamo salvare”.

Fabrizio: “Per me potenzialmente si potrebbe arrivare a 37 punti, fattibile con la Juve che festeggia. Il punto è che l Atalanta ha un calendario simile e credo che alla fine si attesterà intorno ai 40 punti. Per noi un vero e proprio smacco. Lo snodo sarà domenica con l’Atalanta che gioca a Palermo... vedremo se Dybala ci regalerà il sogno”.

Sandro: “Purtroppo se pur arriveranno altre vittorie, credo che il treno per la serie A sia già passato. La magra consolazione è che Festa è riuscito a dare brio alla squadra. Per il finale amaro di stagione il mea culpa va girato alla poca esperienza della società e a cinque o sei giocatori che non hanno aiutato la squadra. Il mio modesto applauso va a quei giocatori che hanno dato l’anima in ogni partita, e non a quelli che consideravano Cagliari solo una vetrina”.

Francesco: “Troppi errori, troppi momenti decisivi toppati, troppi sei punti da recuperare (in realtà sette) a quattro giornate dalla fine. Da mangiarsi le mani...”.

Giuseppe: “Alla fine, tra Zeman e Zola , solo Festa ha avuto l'umiltà di cucire un modulo sulla squadra, gli ha dato un identità. Ha restituito equilibri e sicurezza a tutti. Dessena, Farias e Avelar su tutti, ma ottima prestazione collettiva. Forza Cagliari”.

Pulce: “Non so se abbiamo vinto per meriti nostri o demeriti del Parma, comunque un bel Cagliari con uno strepitoso M’Poku sulla trequarti! La vedo un'impresa ma il cuore rossoblù mi dice di crederci ancora!!! IO NELLA SALVEZZA CI CREDO!!!”.

Angelo: “Si è vinto contro il Parma, ultima in classifica, c'è poco da stare allegri. Se vince contro la Juve, allora sì che si può sperare”.

Gianleonardo: “Io dico che se vinciamo a Torino con la Juve ci salviamo”.

Roberto: “Sinceramente non ci credo, ma se avessimo avuto dall'inizio di gennaio un allenatore con un po' di testa, forse ci saremmo salvati!!!”.

Giuseppe: “Anche io, che sono un grandissimo tifoso cagliaritano, spero eccome alla salvezza. Difficile certo, ma mai dire mai. Dobbiamo crederci in maniera assoluta”.

Anna: “Se avessimo vinto contro il Chievo! Troppi se in questo campionato!”.

Mattia: “Se vinciamo con Juventus è fatta! È la partita più difficile”.

Efisio: “Se ci mettono il cuore si salvano.....l'Atalanta ha un calendario difficile”.

In giro per il web

Paolo: “Partita bufala, non mi dite che il Parma ha giocato… Erano in vacanza, in costume da bagno”.

Manuel: “Grandi ragazzi da questo momento in poi giochiamocela fino all'ultimo minuto. Forza Casteddu”

Pierpaolo:  Ora gettiamo tutti insieme una cugurra all'Atalanta”.

Andrea: “Forza ragazzi, grinta, rabbia, pressing asfissiante, lottate su tutti i palloni fino alla fine. Poi sarà quel che sarà! Forzaaaaaaaaaaa!”.

Maurizio: “Ragazzi, dobbiamo vincerle tutte, è difficile ma non impossibile, e speriamo che la mia Palermo ci faccia un bel regalo domenica”.

Francesco: “Un buon Cagliari, se avesse giocato sempre così non sarebbe stato difficile salvarsi. Pero' la speranza è sempre l'ultima a morire. Forza Casteddu!!!!!”.

Andrea: “Bravi, ma dovevamo svegliarci prima”.

Ulrike: “Se avessimo vinto una partita contro l'Atalanta saremmo a pari punti. Con i se e con i ma non si va' avanti, ma comunque fa rabbia”.

Giac: “Troppo tardi! Forse la Juventus ci regalerà un pari, non credo voglia perdere in casa per la festa scudetto; si doveva spingere a Verona col Chievo”.

Andrea: “È  solo ed esclusivamente colpa di Zeman e di chi credeva in lui. Questa situazione è colpa di chi non capisce un ca**o di calcio, ormai quest'anno è B”.

Le voci dallo stadio

Paolo: “Bella partita, io ci credo. Dobbiamo avere tanta, ma tanta, fortuna ma credo si possa fare”.

Mauro: “Diciamo la verità, siamo stati agevolati dal gol a partita appena iniziata e siamo stati fortunati anche perché il Parma era demoralizzato dalla retrocessione appena ufficializzata. È stato comunque un piacere vedere il Cagliari vincere e non prendere gol”.

Elisa: “Non so se ce la faremo da qui alla fine, ma mi fa piacere vedere i ragazzi che almeno ci provano. Anche se si andrà in serie B, almeno sapremo che hanno onorato la maglia”.

Nino: “Guarda caso, Festa schiera il Cagliari nella maniera più semplice e logica possibile e vinciamo. Perché chi c’era prima, non solo Zeman, ma anche Zola che ha le sue belle colpe, non l’ha fatto? Ci voleva tanto?”.

Laura: “Domenica scorsa a Firenze chi mancava? Conti e Cossu. E cosa abbiamo fatto? Abbiamo vinto. Mercoledì c’erano entrambi e abbiamo perso. Oggi non c’erano e abbiamo vinto di nuovo. Qualcosa vorrà pur dire, no?”.

Lorenzo: “Mi dispiace un sacco che M’Poku e Dessena saltino la Juventus, sarebbe stato bello vederli in campo. Secondo me Festa deve continuare con questi uomini e questo modulo. Abbiamo capito che la squadra si trova bene e bisogna battere su questo tasto. E, per carità di Dio, che non tolgano più Farias dal campo!”.

Alessandro: “Finalmente una bella partita!”.

Pietro: “Grande prova di carattere. Abbiamo giocato bene nel primo tempo e giochicchiato nel secondo, ci siamo limitati ad amministrare, com’è giusto che sia quando sei tre, e poi quattro, a zero. Adesso bisogna pensare a preparare la gara di sabato, mi aspetto una bella prestazione”.

Anna: “Quello che mi dà fastidio è che quasi tutti quelli che stanno scendendo adesso in campo con Festa, giocavano anche prima con Zola e Zeman. Adesso ci stanno facendo vedere cose che prima non esprimevano. Io mi chiedo: perché? Si sono affossati da soli. Se sapevano giocare così, perché rischiare così tanto e finire, come probabilmente accadrà, in serie B?”.

Claudio: “Voglio crederci. Domenica scorsa mi sono emozionato quando abbiamo fatto l’1 – 3 e, per qualche giorno, ho sperato che la ruota fosse girata. Poi Verona ha distrutto tutte le mie speranze, che oggi si sono riaccese. Voglio credere in questa squadra e in questa salvezza. Un vero tifoso ci deve credere, finché la matematica non dice il contrario”.