La voce dei tifosi: "Giulini vattene: hai rovinato il Cagliari. Serie B!"

Dura contestazione da parte dei tifosi rossoblù

pubblicato il 07/01/2015 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori

Uno schiaffo a mano aperta con le cinque dita ben in evidenza. Cinque, come i gol rifilati ieri dal Palermo a un Cagliari senza attributi, svuotato e che ha probabilmente toccato il punto più basso di un periodo nero: e la disfatta rossoblù è stata sottolineata anche dal pessimo exploit del suo capitano, Daniele Conti, che non è riuscito a mantenere i nervi saldi, se non altro per dare l’esempio ai compagni, e si è beccato un’espulsione, assolutamente evitabile, che gli ha fatto lasciare il campo al 26’ e la sua squadra in dieci uomini per tre quarti della partita. Esente da parte delle colpe Zola, assolutamente inadatti alla categoria diversi giocatori rossoblù, per i tifosi c’è un unico colpevole: il presidente. Il giudizio dei tifosi è unanime: se la società non fa acquisti seri per rinforzare una rosa debole e troppo giovane sarà serie B. La rabbia dilaga e i supporters rossoblù, che hanno pazientato a lungo in attesa che i giocatori scelti dal club iniziassero a dare il loro contributo, manifestano la loro rabbia. Il tempo della comprensione è finito, perché chi vuole bene al Cagliari non può sopportare uno spettacolo indecente come quello visto ieri al Barbera. Ci può stare perdere, anche pesantemente, ma la maglia bisogna onorarla sempre.

Alessandro: “Forse ancora non si è capito che chiunque ci sia in panchina non potrà mai fare nulla con questa squadra palesemente scarsa, palesemente la più scarsa della serie A. Nessuno, Zeman, Zola o chiunque altro. Il problema è che il nostro nuovo presidente o caccia i soldi per comprare dei giocatori veri e non imbianchini o manovali (con tutto il rispetto per questi che come hobby giocano a pallone),oppure si retrocede malamente. Poi potete cercare Zeman, Zola, Mourinho, Capello o Guardiola, ma la sostanza non cambia. Questo ha promesso mari e monti: beh, io vi dico che questo soldi non ne ha. Spariremo dal calcio professionistico”.

Roma: “Zeman va richiamato! Abbiamo creato zero palle goal. Contro la Fiorentina finì 4 a 0, di cui 2 goal in fuorigioco, ma il Cagliari creò una decina di occasioni che, se non fossero stati così stupidi, la partita si sarebbe vinta tranquillamente”.

Giorgio: “Altro che serie B, questo ci fa fallire!!! Ha un organico che stenterebbe pure in serie C, con Zeman c'era una flebile speranza, ma ora siamo sicuri del disastro. Giulini, cerca qualche altro scarto da mettere in rosa, ahahhahaha”.

Enrico: “Vogliamo parlare delle cavolate che fa Conti? E anche gli altri senatori non sono all'altezza, tolto Ekdal. Almeno con Zeman si creavano palle goal”.

Giovanni: “Dal momento che è stato esonerato Zeman (unica speranza nella debolezza della squadra) scivoliamo ancora più giù. Se con un maestro come il boemo si continua a perdere come si può pensare di cambiare l'allenatore e non la squadra (completamente inadatta non solo alla A ma anche alla B)!!!”.

Antonio: “C'è solo da vergognarsi (a tutti i livelli, dalla società ai giocatori). Non credo però che il salvatore potesse essere Zeman”.

Damiano: “Zola è stato preso in giro, spero si dimetta per mandare a quel paese una società inadatta”.

Riccardo: “Abbiamo un Presidente del cavolo, che usa solo slogan: prima Zeman e con lui ha comprato la primavera dell'Inter (non sono capaci quelli della prima squadra, figuriamoci questi), adesso Zola. Ma con quali giocatori ci vogliamo salvare? Una programmazione societaria esiste o te lo ha consigliato la psicologa di comprare il

Cagliari? Cellino dove sei?”.

Alessio: “Senza parole, il Cagliari è in mano a degli incapaci, poveri noi”.

Stefano: “Il fatto che Gonzalez sia il primo acquisto (uno che era panchinaro a Verona) spiega tutto!!!”.

Alessandro: “Nonostante tutto questo periodo pessimo, i nomi che si sentono per il mercato rossoblù fanno più ridere di quelli che abbiamo ora. Giulini vergognati, hai preso in giro tutti”.

Alessandro: “Gente come Farias, Cragno, Colombi, Joao Pedro, Longo, Ceppittelli (per non nominare gli altri) chi sono? Ma da dove ne sono usciti? Con tutto il rispetto per gli uomini, come giocatori non sono all'altezza, punto e basta.”

Giuseppe: “Diamo tempo a Zola, non si può pretendere che si veda la sua impronta in dieci giorni scarsi di lavoro”.

Giorgio: “Pronti, via e come al solito sotto di due reti, colpa del solito Zeman e difesa colabrodo. Peccato non ci sia più Zeman!”

Marco: “Mi aspetto una reazione dura della tifoseria. Altrimenti sarebbe la conferma dell'assenza totale di una tifoseria con le palle!”.

Gianfranco: “Ma quale Zeman, ci vogliono calciatori da serie A. Questa squadra che ha costruito Giulini sarebbe tra le ultime anche in serie B, forse è adatta al campionato primavera. Tutti i tifosi che hanno combattuto Cellino dovrebbero andare a chiedergli scusa in ginocchio perché è stato l'unico presidente ad aver tenuto il Cagliari in serie A per tanti anni e, se gli avessero permesso di fare lo stadio, saremmo in ben altra posizione. Ad agosto avevo visto giusto, ci aspettano anni bui”.

Franco: “E una squadra da serie B, non hanno carattere, non combattono, non sanno andare avanti, fanno i passaggi sempre all’indietro, mi sembrano dei gamberi. Caro Zola, se mettessi la squadra della primavera sarebbe meglio, almeno hanno voglia di giocare”.

Massimo: “L'espulsione di Conti potrebbe essere una fortuna per la prossima partita!”.

Candido: “Tutte le volte che Conti è stato in campo ha preso cartellini gialli, se non rossi. Io comincerei a lasciarlo in tribuna anche perché le poche volte che lui non ha giocato il Cagliari ha vinto”.

Alessandro: “Cataldi, Giannetti, Longhi più il portentoso Gonzalez: questo è il mercato rossoblù, questi sono i rinforzi che ci porteranno ai limiti dell'Europa League. Continuate pure a sperare che Giulini compri qualcuno”.