La voce dei tifosi: tanta è la delusione per la gara a metà dei rossoblù

Ecco i commenti dei supporters del Cagliari

pubblicato il 05/10/2014 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
Corteo di tifosi rossoblù

La gara di Verona, tanto attesa, si è conclusa nel peggiore di modi. Dopo un primo tempo brillante e tante occasioni da gol sprecate, i giocatori di Zdenek Zeman hanno affrontato la ripresa un po’ spenti e hanno lasciato spazio alle ripartenze veronesi che hanno portato, a pochi minuti dalla fine, al gol beffa. È vero che se la squadra rossoblù avesse concluso il primo tempo in forte vantaggio non ci sarebbe stato nulla da obiettare, ma è altrettanto vero che, considerato come si era messa la gara nel secondo tempo, il pareggio sarebbe stato il risultato più giusto. E così non è stato. Cosa ne pensano i tifosi? Come ogni settimana lasciamo spazio ai vostri commenti e vi auguriamo buona lettura. La prossima settimana salteremo il nostro appuntamento ma ci vediamo domenica 19. Appuntamento contro la Sampdoria.

Giuseppe non si abbatte: “Comunque ho fiducia in questa squadra, che gioca veramente bene. Andrà tutto per il meglio, sono sicuro. Sempre forza Casteddu e sempre, sempre, sempre cuore rossoblù”.

Luigi ha individuato un punto debole della squadra: “Ibarbo ha sbagliato troppi passaggi: non ha ancora capito che deve giocare in verticale, non in orizzontale”.

Paolo è d’accordo: “Come ha fatto Zeman oggi a non cambiare Ibarbo? Voto 3”

Roma gli risponde: “Semplicemente perché i sostituti sono ancora peggiori. Se il primo tempo fosse finito 3a0 per il Cagliari non ci sarebbe stato nulla da dire. A volte ci vuole pure fortuna, ma la prestazione c’è”.

Gianluigi ha una domanda: “Si crea tanto in avanti ma le occasioni vanno concretizzate. Ma Longo che razza di giocatore è? Uno cosi non merita nemmeno l’eccellenza”.

Claudio fa una semplice constatazione: “Serve gente che la butti dentro! Si lavora bene sino alla porta poi non sanno che farsene del pallone!”

Paolo è dispiaciuto: “Abbiamo fatto un passo avanti nel primo tempo e tre passi indietro nella ripresa”.

Giancarlo gli dà ragione: “Non puoi vincere una partita giocando solo un tempo, la partita dura 90 minuti. Risultato giusto”.

Antonello ha un consiglio per il mister: “Questa sconfitta non è una beffa, è un risultato più che giusto per un Cagliari irriconoscibile nella ripresa. Abbiamo fatto un primo tempo come con l' Inter ma il goal non è arrivato. Gli errori si pagano ma Zeman dovrebbe lavorare molto sulla testa di alcuni giocatori”.

Sergio si sente profetico: “La solita squadra mediocre che si esalta con le grandi e si affievolisce con le squadre alla sua portata”.