I tifosi: “Tanto da migliorare, servono rinforzi"

I commenti dei supporters rossoblù al termine di Cagliari-Empoli

pubblicato il 21/01/2019 in La Voce dei Tifosi da Alexandra Atzori
Condividi su:
Alexandra Atzori
2017

Il Cagliari pareggia in extremis la gara contro l’Empoli grazie ad un gol di Diego Farias, ancora una volta decisivo nonostante le numerose voci di mercato.

Come in ogni post gara abbiamo chiesto ai tifosi di commentare la prestazione dei rossoblù.

Vi lascio ai commenti, buona lettura!

Il Cagliari siamo noi!

Alessandro: "Una sola parola per descrivere una pochezza disarmante: rinforzi!".

Rinaldo: "Uno schifo... non vinciamo più neanche contro l'Empoli!".

Mauro: "Brutta partita contro una squadra di pari valore, nel secondo tempo siamo usciti dal campo ed è entrata un'altra squadra; così si va in serie B".

Paolo: "Klopp dice che se una squadra non fa divertire, ha fallito. Forse parlava di noi... Siamo una squadretta che gioca al campo parrocchiale la domenica tra amici... Che schifo e che pena".

Augu: "Penso che il problema sia sempre il solito. Una società che non si rende conto che al 20 gennaio, la rosa sia incompleta. Mancano un terzino sinistro titolare, una seconda punta veloce e che sappia segnare e un centrocampista al posto di Ionita che sappia fare tanta legna e stop. Alla svelta. Questa, per 9 undicesimi, è la stessa formazione che si è salvata per fortuna la scorsa stagione. La fortuna bacia i belli e noi belli non siamo".

Andrea: "Altri punti buttati... Nel secondo tempo eravamo troppo bassi e, se non segni, rischi di prenderle... non si può difendere l'1-0, è un copione visto troppe volte. Ci vuole un cambio di mentalità e una buone dose di acquisti...".

Giovanni: "Dobbiamo essere realistici, la nostra dimensione è questa, inutile sognare... purtroppo è così! Non si risolvono i problemi vendendo Farias per un giocatore sostanzialmente simile come capacità, qui bisogna acquistare giocatori forti e soprattutto da seria A".

Beniamino: "Senza attaccanti non c'è squadra e il mercato di gennaio sta per finire. La squadra e i giocatori sono senza grinta e voglia di vincere, mentre l'allenatore è da squadra di dilettanti... Per carità!".

Mario: "Il Cagliari continua a mostrare difficoltà (si vedano le partite contro Udinese e Atalanta) nel costruire gioco in fase di attacco. La cosa più preoccupante è la condizione fisica e atletica, se la squadra è la più vecchia della serie A alla lunga si nota. Per una salvezza tranquilla serve ben altro. L'Empoli è una squadra tecnicamente inferiore al Cagliari ma ha preso 4 punti su 6".

Fabrizio: "Togliendo prima Birsa e successivamente Joao Pedro credo che Maran abbia dato un segnale di rinuncia alla squadra. Ovviamente l'Empoli ha fatto il suo e ne ha approfittato".

Blog Cagliari Calcio 1920 (Fan Page)

Emiliano: “A questo punto Farias è da tenere, è più incisivo di Cerri e Sau, le occasioni le abbiamo avute. L'obiettivo è la salvezza, dunque si prende questo punto ma un’altra punta efficace (a mio parere) tornerebbe utile”.

Maxi: “È una squadra da rifondare per 8/11: a parte Cragno, Barella e Pavoletti il resto della squadra non è da A. Si fatica a battere l’Empoli in casa… e ho detto tutto!”.

Luca: “Come al solito siamo stati troppo passivi, le fasce sono ormai di dominio degli avversari di turno, il centrocampo non ruba mai una palla e non sa costruirne nemmeno una per l'attacco, le punte devono aiutare gli altri reparti altrimenti siamo in inferiorità numerica. È una squadra che, nel complesso, non corre ma rincorre gli avversari, stancandosi ancora di più. Non ditemi che il campionato del Cagliari è tutto in quei 15 minuti col Milan... Società, vedi di comprare seriamente qualcuno e non, come fai sempre, giocatori che ‘basta che respirino’".

Adriano: “La squadra non è male, i giocatori per salvarsi ci sono, è l'allenatore che non ha la mentalità vincente: se la squadra fa gol, pensa solo a difendersi e, alla lunga, prende il pareggio e rischia la sconfitta. Come è successo oggi!”.

Efisio: “A questa squadra mancano pezzi, c'è chi corre troppo e chi non corre per limiti di età, è bastato perdere un pezzo (Castro) per scompigliare tutto”.

Zurrundeddu: “Guardando la classifica siamo perfettamente in linea con l’obiettivo stagionale. Salvarsi dalla B vuol dire essere una squadra mediocre in A. Fatevene una ragione!”.

Gautiero: “Mi ha sorpreso Birsa, sembrava in squadra da sempre e ha avuto un buon dialogo con l'attacco. La sua sostituzione ha segnato un cambio di modulo e l'inizio della crisi durante il secondo tempo”.

Massimo Melis: “Dal 60' all’80' la squadra si è fermata e non è la prima volta. Birsa l'avrei tenuto in campo, senza di lui ha giocato meglio l'Empoli, Faragò non ha capito perché è entrato in campo, e neanche io... da rivedere completamente l'impostazione della difesa, qualsiasi squadra avversaria entra con troppa facilità in area. Maran, usa le maniere forti e falli correre! Sono molto deluso”.

Alessio: “Penso che siamo condannati a vedere il non calcio di Maran! Senza orgoglio, senza rabbia e senza cattiveria. A cosa vogliamo ambire con una società che ha come massimo obiettivo il quartultimo posto? Con quale anima tifi una squadra di morti viventi? Oggi abbiamo niente da esultare! Queste sono partite da vincere, mentre per poco non si è perso. È tutto uno schifo, dalla società passando per giocatori e allenatore...”.

Manolo: “Questa squadra dimostra ancora una volta di avere grossi limiti. Forse è stata sopravvalutata ad inizio stagione, compreso il mister che, ultimamente soprattutto, sta facendo scelte sbagliate, come tanti cambi, che destabilizzano o tolgono certezze alla squadra. Oggi, a mio avviso, lui è il responsabile numero uno. Togliendo Birsa prima, e Cigarini poi, ha alzato bandiera bianca. Occorre correre ai ripari, la salvezza tranquilla per me non è più cosa certa”.

La voce dei tifosi

Andreina: "Questi cali nel secondo tempo non vanno affatto bene. Nel primo tempo giochiamo da leoni e nel secondo da... Bisogna lavorare per concretizzare, non si possono creare sette palle gol nitide e realizzarne solo una!".

Lucio: "A me questa squadra preoccupa, non capisco se il calo sia fisico o mentale e, in entrambi i casi, è allarmante il fatto che siano in queste condizioni a gennaio, capisco fossimo a marzo...".

Gianluca: "Abbiamo tanti infortunati e abbiamo reagito alla grande, abbiamo meritato questo punto. Peccato, però che se ne siano persi due per strada".

Fabio: "Dobbiamo assolutamente intervenire sul mercato prima di pensare a cedere Farias. Ci fa arrabbiare tanto ma quante volte ci ha salvati ultimamente?".

Luca: "Dobbiamo assolutamente prendere un terzino e una punta seria. Poi possiamo pensare a cedere Diego, anche se secondo me è un errore".

Nicola: "Maran deve lavorare sulla testa di questi ragazzi, non sono possibili questi cali a ogni inizio ripresa! Non abbiamo nemmeno l'attenuante dell'inesperienza, visto che abbiamo una squadra pronta alla pensione!".

Gabriele: "Dobbiamo svegliarci! L'Empoli, e non per merito suo, ci ha fregato da sotto il naso quattro punti".

Silvano: "Ha voglia Maran di dire che la squadra è in crescita! Se dopo sei mesi ha ancora questi cali dopo solo un’ora di gioco, e questi cali li ha sempre avuti, vuol dire che stai sbagliando qualcosa. Bisogna capire cosa e alla svelta, prima che le avversarie, come ogni anno, inizino a correre…”.

Marcello: “Secondo me bisogna lavorare tanto sotto il profilo mentale perché, a parte l’infermeria stracolma, secondo me la condizione fisica è buona. I giocatori hanno bisogno di trovare fiducia, cosa che permetterebbe anche di segnare di più, e lucidità. E speriamo anche nel mercato”.

Bruno: “Questa squadra non ha nulla da invidiare a quella di Lopez e Rastelli. E mi fermo qui”.