Verso il Parma, scelte obbligate (con due ballottaggi) per Maran: Cagliari, le ultime di formazione

In vista del fondamentale match interno contro gli emiliani, l’allenatore del Cagliari è chiamato a fare di necessità virtù, specialmente per via dei tanti infortuni

pubblicato il 15/02/2019 in La probabile formazione da Fabio Loi
Condividi su:
Fabio Loi
2019

Dopo la netta sconfitta esterna contro il Milan, il Cagliari ha assoluto bisogno di punti per uscire dalla crisi, cercando di mettersi al riparo dalla zona rossa della classifica, che ad oggi dista solamente 3 punti.

La formazione allenata da Rolando Maran, per riuscire nell’intento, andrà ad affrontare alla Sardegna Arena sabato pomeriggio alle ore 18.00 il Parma di Roberto D’Aversa, dodicesima forza della Serie A 2018-2019 con 29 punti (a +8 sui rossoblu, quindicesimi a quota 21).

Nonostante si debba ancora svolgere la classica seduta di rifinitura, l’allenatore del Cagliari dovrà quasi sicuramente fare di necessità virtù, specie per via dei tanti infortuni e con due dubbi in mediana da sciogliere. Tuttavia, il modulo di gioco dovrebbe essere ancora una volta il 4-3-1-2.

In porta, la certezza si chiama Alessio Cragno. Sulle corsie esterne, a destra potrebbe confermato Darijo Srna, così come Luca Pellegrini a sinistra.

Al centro della retroguardia, al fianco di Luca Ceppitelli, dovrebbe toccare nuovamente a Fabio Pisacane, visto il probabile forfait di Filippo Romagna, che nella seduta di allenamento di ieri ha svolto lavoro personalizzato (insieme a Paolo Faragò e a Fabrizio Cacciatore) a causa di un’infiammazione al tendine rotuleo del ginocchio destro.

Per quanto concerne il centrocampo, in regia per Maran ci sarà da scegliere tra Luca Cigarini e Filip Bradaric, con il primo favorito sul secondo.

Sugli interni, insieme al confermato Artur Ionita, Maran dovrà risolvere il dubbio tra Simone Padoin e Alessandro Deiola per l’altro slot disponibile in mediana. Sulla trequarti, il designato dovrebbe essere Nicolò Barella, che agirebbe alle spalle di Joao Pedro e Leonardo Pavoletti.