Vigo è lontana, il Cagliari diverte, vince, convince e accende i cuori rossoblù

Buon calcio e divertimento

pubblicato il 24/08/2014 in L'Editoriale da Luca Neri
Condividi su:
Luca Neri

La nebbia svanisce, si intravede la destinazione, che sembrava distare un'infinità. Le gambe si alleggeriscono, la fatica saluta i rossoblù, lascia spazio all'estro e alla fantasia. Il coro dello stadio sembra persino unirsi alle giocate dei giocatori, in ogni verticalizzazione, in ogni conclusione. Il Cagliari si sbarazza del Catania in appena 20 minuti, realizzando due gol e scacciando le paure che l'avevano accompagnato in questo pre-campionato. Nei restanti 70 primi i sardi controllano e sfiorano più volte il gol. Il match finisce con un 2-0, punteggio che sarebbe potuto essere anche più rotondo. Ieri sera Zeman ha indossato la maschera di Guardiola, vestendo Sau da falso nove e circondandolo di due nanetti come Cossu e Farias, con un tridente che ricordava molto per caratteristiche (non me ne vogliano i catalani) quello composto da Pedro, Messi e Villa nel Barcellona degli invincibili. Farias ha confermato quanto di buono mostrato nelle amichevoli, conferendo al Cagliari imprevedibilità sulla sua fascia. Ma anche dall'altra parte ha ricevuto applausi Andrea Cossu, con giocate di grande classe. Il centrocampista cagliaritano è uno dei giocatori che sta traendo più benefici, sotto il profilo del rendimento, dalla "cura" Zeman, risultando anche parecchio in forma dal punto di vista atletico. Sau sembra il fratello gemello del giocatore abulico del pre-campionato. Il centrocampo è di spessore e Conti ed Ekdal sono tra i migliori. Ma anche la difesa, assai traballante nelle ultime apparizioni, fa buona guardia, attuando eccellentemente la trappola del fuorigioco. Ha stupito il Sant'Elia Caio Rangel, che ha mostrato il suo talento con ottimi spunti non appena subentrato a Farias. Il ritmo è calato col passare dei minuti, ma c'era un ragazzo che ha continuato a correre come se nulla fosse. La sua casa è la fascia destra, che ha arato con le gambe per 90'. Si tratta di Pisano, che ha macinato kilometri su kilometri. Il Cagliari è sceso in campo con grande grinta e voglia di fare, esattamente ciò che aveva chiesto il tecnico boemo in conferenza stampa venerdì. Ha cancellato gli spettri delle scorse uscite e ha evidenziato una manifesta superiorità nei confronti del Catania, che militava sino a tre mesi fa in Serie A e che vanta una rosa di tutto rispetto. I rossoblù hanno così conquistato il pass per gli ottavi di Coppa Italia, ora sarà importante ribadire l'ottima prestazione domenica prossima, nell'esordio in campionato. Intanto la strada si schiarisce, il cartello d'ingresso nella città è ad un passo. Ora sì, benvenuti a Zemanlandia.