Criniti: "Il Cagliari non ha coscienza della propria forza, può battere chiunque"

"Hanno il pregio del coraggio di affrontare tutti a visto aperto e il difetto di abbattersi troppo presto quando vanno in svantaggio. Devono imparare a gestire meglio l'emotività"

pubblicato il 25/10/2016 in Interviste da Francesca Ruggeri
Condividi su:
Francesca Ruggeri

Dopo la sconfitta contro la Fiorentina, a fare il punto sulla gara del Sant'Elia e non solo, ci ha pensato l'ex rossoblù Antonio Criniti:

"Quella di domenica è stata una bella partita, giocata a viso aperto da entrambe le parti. La Fiorentina è stata più cinica con i padroni di casa che si sono intimoriti dopo il 2-1 di Bernardeschi. Il rendimento poco costante del Cagliari è figlio della poca coscienza della reale forza del gruppo, che per me resta importante.

Non hanno ancora incamerato l'idea che possono vincere con tutti. Hanno il pregio del coraggio di affrontare tutti a visto aperto e il difetto di abbattersi troppo presto quando vanno in svantaggio.

Devono imparare a gestire meglio l'emotività. Mercoledì la squadra sarà chiamata alla prova di maturità. Con una vittoria contro la Lazio il rilancio potrebbe essere definitivo, con una sconfitta si aprirebbe una piccola crisi. Non possono permettersi di perdere ancora dopo il risultato del Sant'Elia", ha dichiarato ai microfoni di Tuttomercatoweb.