Cerri: "Non credo più nel Cagliari"

"Non c'è stata coerenza"

pubblicato il 11/11/2021 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2020

Alberto Cerri, attaccante del Cagliari ceduto in prestito al Como questa estate, ha rilasciato un'intervista ai microfoni de La Gazzetta dello Sport, dove ha riflettuto sulla propria situazione legata al club rossoblu.

Ecco le sue dichiarazioni:

"A Cagliari giocavo 3 minuti, poi 10’... Così non rendo.

Mi avevano detto che sarei stato tra le prime due scelte dell'attacco, ma lì tra il dire e il fare... Non hanno avuto coerenza. 

Se a Cagliari mi dicono ancora che puntano su di me, non vedo perché dovrei crederci. 

Sono sceso in Serie B al Como per merito di Zola. A luglio mi chiamava con Denis Wise, che al Chelsea giocava con lui: abbiamo fatto videochiamate a tre, ero un po' imbarazzato perché non li conoscevo.

Ho subito sentito fiducia. Avevo tutto da perdere, ma ero sicuro. In A nessuno mi garantiva continuità, soltanto il Como era convinto del mio valore".