Nicola: "Il Cagliari ci ha messo in difficoltà"

"Oggi la posta in palio era alta"

pubblicato il 19/02/2021 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

La gara tra Cagliari e Torino è terminata con il risultato di 0-1 e Davide Nicola è appena arrivato ai microfoni di Sky per commentare la prestazione contro i rossoblù.

Ecco le sue parole:

“Vittoria che vale sempre 3 punti, sono contento perché vedo che i ragazzi stanno dando tutto. Per la società perché tutti stiamo dando il massimo. Dobbiamo crescere, la partita non mi è dispiaciuta nei primi 25 minuti e poi è venuta fuori la qualità loro. Abbiamo abbassato un po’ il baricentro e questo ci ha permesso di difenderci meglio. 

L’emozione dei 90 minuti? È il momento in cui possiamo canalizzare tutte le energie usate in settimana per raggiungere i nostri obiettivi. Il campionato non è finito e la strada è tanta. Queste partite le puoi anche perdere, noi stiamo tentando di lavorare di avere un equilibrio.

Quando siamo arrivati abbiamo analizzato la rosa è dato le nostre idee di gioco. I ragazzi sanno che lottiamo per la salvezza. Nelle prime 3 partite abbiamo dovuto rimontare, oggi siamo passati in vantaggio e siamo riusciti a non subire gol. Siamo consapevoli che dobbiamo lavorare e migliorare, mi concentro sui miglioramenti. 

Con il gruppo amo avere relazioni produttive e su questo continuiamo a lavorare. Senza unità d’intenti non si va lontano. I tifosi? Mancano a tutte le squadre.

Aumentare la qualità? Sono d’accordo, dobbiamo lavorarci ogni giorno. Oggi la posta in palio era alta e si è sentito. Nei primi 25 minuti volevamo gestire il possesso e verticalizzare, poi il Cagliari ci ha messo in difficoltà. Nel secondo tempo ci siamo difesi con ordine e abbiamo mantenuto un buon livello di gioco.

Meriti dello staff? Oggi abbiamo fatto gol su calcio d’angolo dopo che un mio collaboratore aveva insistito tutta la settimana. Non bisogna guardare i meriti personali ma quello che sta facendo il gruppo. 

Soddisfatto? Certo, vedo che la squadra ha voglia di uscire da queste zone della classifica. È un campionato in cui le rose, e il Cagliari lo dimostra, non riescono ad esprimersi al meglio. Continuiamo a migliorare, non si può avere tutto e subito”