Tavecchio: "Il calcio non deve fermarsi, sì a play-off play-out"

"No a stop del calcetto"

pubblicato il 12/10/2020 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione

L'ex Presidente della FIGC Carlo Tavecchio ha parlato ai microfoni di TMW riguardo alle tematiche calcisitche nell'era del Covid, in un periodo in cui si rischia di vedere ancora una volta fermare lo sport.

Ecco le sue dichiarazioni:

"Fermare il calcio? Serve continuare. Se cade anche quello, dal punto di vista economico e del sistema paese, è complicato. La gente non può stare senza niente: il campionato è una delle opportunità più importanti per gli italiani, se dovessero togliere pure questo... E poi c'è il problema dei diritti tv: se si perdono anche quelli, il sistema collassa.

Cosa bisognerebbe fare? Non vorrei essere nei panni di Gravina... Dovrà valutare delle ipotesi come play-off e play-out che non sono secondarie. La Federazione non può non sostenere la continuità del calcio e il mondo del calcio di base, i giovani.

Stop al calcetto? Ogni sport ha il contatto, anche gli altri ce l'hanno. Chi è la mente eccelsa che parla di calcetto? E' di contatto come pallacanestro, pallavolo, beach soccer... Perché si ghettizza uno sport? E' uno sport che è un cinquantesimo rispetto agli altri. Ieri sera ho visto la Nazionale: c'erano diecimila persone distanziate allo stadio.

Se al calcio togliete anche questo, che dobbiamo fare? Niente teatro, niente cinema, niente di niente...".