Conte: "Fatta un'ottima partita"

"Superate le difficoltà"

pubblicato il 14/01/2020 in Interviste da La Redazione
Condividi su:
La Redazione
2019

Inter-Cagliari di Coppa Italia è terminata con il risultato di 4-1 e sono così i nerazzurri ad accedere ai quarti di finale. Antonio Conte, tecnico dei meneghini, ha commentato la prestazione della sua squadra ai microfoni di Rai Sport.

Ecco le sue parole: 

“Ottima risposta? Sì, la partita è stata ottima da parte di tutti. Diversi non giocavano da un po’, lo stesso Barella veniva da un infortunio. Sono contento per le risposte positive di Dimarco, Lazaro, Borja Valero. Sono contento per Sanchez, ha dimostrato di essere un giocatore che sta tornando a disposizione.

Allievo di Trapattoni? Ti ringrazio perché stai parlando di un maestro, Mr Trapattoni. Con lui ho fatto 15 anni di carriera e ho vinto quello che ho vinto. I ragazzi sono bravi, per bene, hanno voglia di fare. Bisogna essere contenti quando si ha a disposizione un gruppo così.

Girone d’andata? È stato importante, siamo passati anche in mezzo a difficoltà. Tutti i ragazzi si sono messi a disposizione ed è per questo che abbiamo fatto 42 punti così. Il girone di ritorno sarà duro ma non vogliamo mollare e continuare così.

Lukaku? Non mi piace parlare dei singoli. Stai parlando di un giocatore che sta dimostrando la sua forza ed ha margini come Lautaro, Sanchez ed Esposito. Dobbiamo lavorare, l’importante è che ci sia la disponibilità.

Il calendario non sarà un vantaggio? In casa abbiamo pareggiato o perso contro squadre molto forti, fosse per me giocherei sempre in casa.

Le aspettative? Io penso che la cosa positiva è stata il creare un feeling immediato con i ragazzi. Ti dico che secondo me ci sono margini di miglioramento, come nella fase di pressione. Quando siamo nella nostra metà campo dobbiamo essere attivi ed attaccare il pallone. Quello che mi riempie di soddisfazione è che i ragazzi sono recettivi e hanno sposato immediatamente la mia idea di calcio. 

C’è stato qualcosa che non mi è piaciuto? No no. Diciamo che l’ammonizione di Sensi alla fine mi ha infastidito, dobbiamo limitare queste situazioni. 

Il direttore è stato molto chiaro nel dire che non ci sono molti soldi quindi dovremo essere bravi a sfruttare delle occasioni a buon mercato che possono portarci dei benefici. Le idee ci sono, non c’è da spendere tanto, se ci sarà la possibilità di migliorare lo faremo altrimenti posso dire solo grazie ai miei ragazzi".