La difesa sbanda, il centrocampo non crea e l’attacco non punge: le pagelle rossoblù

Le pagelle del Cagliari, sconfitto in quel di Empoli

pubblicato il 18/12/2016 in Il Borsino Rossoblù da Marco Zucca
Condividi su:
Marco Zucca
2016

Storari: 5.5. Una buona smanacciata e due reti subite in maniera incolpevole.

Isla: 5+. Soffre da matti Marilungo e le sortite del neo entrato Di Marco. Si fa vedere in avanti con continuità ma non basta, anche perché non supportato dalla mezzala.

Ceppitelli: 5. Pesanti responsabilità sul 2-0, quando non attua bene il fuorigioco e in seguito la marcatura su Mchedlidze.

Bruno Alves: 5. In balia degli avversari e dello stato d’animo di una squadra psicologicamente a terra. Sbaglia nel primo tempo un fuorigioco su Marilungo, ma l’empolese spreca a tu per tu con Storari.

Pisacane: 5. Un disastro nei fondamentali e nella qualità delle giocate. L’attenuante del “giocare fuori ruolo”, alla lunga, non regge più.

Dessena: 5.5. Nervoso e poco concreto, prova a lanciare lungo, nella speranza che davanti qualcosa si possa fare (Dal 68’ Joao Pedro: 4.5. La tensione del rientro e la responsabilità del momento gli giocano un brutto scherzo, e il brasiliano fallisce il rigore che avrebbe potuto riaprire la partita).

Padoin: 5. Ha funzionato in una sola occasione da regista: questo a testimonianza che l’improvvisazione non paga. Ingenuo quando nella prima frazione ferma l’avversario procurandosi un cartellino giallo.

Barella: 5.5. Buone aperture sulle fasce, poi è costretto a uscire per una tremenda botta sul viso (Dal 51’ Di Gennaro: 5.5. Inconsistente non tanto nel fraseggio stretto, quanto nei suggerimenti per le punte. Sventola bandiera bianca negli ultimi minuti a causa di un problema fisico).

Farias: 5.5. E’ uno dei pochi che non smette di crederci. Si procura il rigore che potrebbe riaprire la gara ma non lo calcia. I risultati sono dinnanzi agli occhi di tutti.

Sau: 5. Chi l’ha visto? (Dal 60’ Giannetti: 5. Ha sulla testa un pallone facile facile, suggeritogli da Melchiorri, da mettere dentro, ma lo spedisce a lato).

Melchiorri: 5.5. Termina troppo spesso in fuorigioco, anche se è penalizzato dagli assistenti di linea: nel primo tempo scatta in posizione regolare ma viene fermato, nel secondo subisce un rigore evidente, negatogli.

All. Rastelli: 3. In perenne confusione, da oramai diverse giornate. Il giocattolo, che la scorsa stagione veniva esaltato dalle qualità dei singoli e in quella in corso dalla buona sorte, si è inceppato. Urge trovare una soluzione in vista della gara di giovedì contro il Sassuolo che sa di ultima spiaggia.