Un sogno da realizzare: ecco lo Spezia di Di Carlo

Andiamo a scoprire i prossimi avversari della squadra rossoblù

pubblicato il 01/04/2016 in Gli Avversari da Marco Castoni
Condividi su:
Marco Castoni

È uno Spezia ferito quello che si presenterà al Sant’Elia sabato pomeriggio, infatti i liguri allenati da Di Carlo sono reduci dalla sconfitta casalinga inflitta dal Trapani di Cosmi e vorranno a tutti i costi conquistare punti preziosi ai fini della corsa play-off.

Lo Spezia grazie alla cura dell’allenatore subentrato il 23 novembre dello scorso anno a Nenad Bjelica, è stata capace di issarsi sino al sesto posto in classifica, a soli 2 punti dal terzo gradino occupato dal Cesena. L’allenamento prima della consueta conferenza pre-partita ha avuto il significato di fornire delle risposte circa le condizioni degli acciaccati Postigo e Nenè, reduci da qualche fastidio conseguito nella gara con il Trapani. Il difensore soffre ancora dei postumi di un problema all’anca e non sarà della partita contro i rossoblù di Rastelli, mentre l’attaccante si aggregherà al gruppo in attesa di verificarne il possibile recupero nella rifinitura che si svolgerà in Sardegna. Torna invece tra i disponibili Daniele Sciaudone che ha scontato il turno di squalifica, mentre ottengono una prestigiosa convocazione i giovani Crocchianti e Okereke.

Di Carlo opterà per schierare una formazione provando a ritrovare una solidità difensiva che aveva caratterizzato per diverse partite la sua squadra: per farlo può contare su 23 convocati che come confermato dallo stesso allenatore stanno bene e attendono con impazienza di scendere in campo. Il modulo sarà il consueto 4-3-3 che vede Chichizola tra i pali, De Col, Terzi, Valentini e Migliore a comporre la difesa, mentre Errasti, Acampora e Pulzetti formeranno il trio di centrocampo. In attacco rimane vivo il ballottaggio tra Nenè autore di 11 reti in questa stagione e l’eterno Calaiò, con la coppia formata da Piccolo e Catellani in appoggio.

Lo Spezia si presenta al Sant’Elia con un organo che sulla carta può ben poco di fronte alla formazione isolana, tuttavia diversi sono gli interpreti che se in giornata possono creare diversi grattacapi a Rastelli. Il Cagliari dal canto suo vorrà continuare nella marcia ripresa con credibilità grazie a due vittorie in trasferta, al fine di festeggiare quanto prima la promozione matematica