Tutto sulla difesa aspettando il miracolo in avanti: ecco il Perugia di Bisoli

Andiamo a conoscere i prossimi avversari della squadra rossoblù

pubblicato il 14/03/2016 in Gli Avversari da Marco Castoni
Condividi su:
Marco Castoni

È un Perugia in ripresa quello che si appresta a fare visita ad un Cagliari desideroso di riprendersi la vetta dopo lo scivolone del Crotone con il Brescia. Gli umbri infatti, dopo le dimissioni di Bisoli rifiutate dalla società, hanno inanellato due vittorie consecutive con il Latina e soprattutto quella nel derby contro la Ternana, che le hanno permesso di portarsi a 9 punti dalla zona play-off.

L’ex Bisoli è alle prese con diversi dubbi, in particolare quello che riguarda Prcic a centrocampo e quello derivante dall’assenza di Bianchi nel reparto avanzato. L’uomo partita del derby Prcic, subentrato nell'intervallo all’esperto Taddei è ai box a causa di un attacco influenzale. Le sue condizioni sono in continuo miglioramento, ma soltanto nelle ore che precederanno al sfida del Sant’Elia Bisoli deciderà se schierarlo o meno. Per quanto invece riguarda Rolando Bianchi il problema alla caviglia non è stato ancora smaltito e di conseguenza non rientra nella lista dei convocati. Il ruolo di centravanti con ogni probabilità sarà ricoperto da Aguirre (considerato che Ardemagni è squalificato), che ancora è stato incapace di entrare nel tabellino dei marcatori. Da decidere chi sarà il partner o i partner che lo affiancheranno, tutto dipende da Prcic e dalla sua possibilità di recuperare ed essere a disposizione.

Se il regista bosniaco dovesse essere schierato dal fischio d’inizio, il tecnico potrebbe confermare il 4-3-3, con Milos, Volta, Belmonte e Rossi nel reparto arretrato, Rizzo, Prcic e Della Rocca a centrocampo, e appunto Aguirre supportato dagli esterni Guberti e Zapata in attacco. Se invece il recupero non dovesse concretizzarsi non è escluso il ricorso ad un 3-5-2, con Milos e Alhassan sulle corsie laterali e Guberti a supportare Aguirre davanti, o ad un più classico 4-4-2, con una difesa composta da quattro centrali di cui due (Belmonte e Rossi) adattati a terzini e l’avanzamento di Milos in posizione di esterno alto.

Una sfida che si preannuncia estremamente complicata per entrambe le squadre. Il Perugia è nettamente meno attrezzata della squadra rossoblù, ma proverà a strappare almeno un pareggio, in modo da continuare nella sua serie positiva. Il Cagliari invece è reduce da due sconfitte e un pareggio, un ruolino decisamente deficitario che necessita di essere invertito al più presto, di fronte ad una squadra che fa della fase difensiva la sua indiscutibile forza.