Chievo: continuità, cuore pulsante, equilibrio, fatica e qualità

Conosciamo meglio il Chievo Verona

pubblicato il 08/12/2014 in Gli Avversari da Massimo Collu
Condividi su:
Massimo Collu

Dopo la vittoriosa gara in Coppa Italia, il Cagliari si ritroverà ad affrontare al Sant'Elia un'altra squadra gialloblù, il Chievo Verona di Rolando Maran.

I clivensi sono formazione ostica, che fa della fase difensiva il suo unico credo, in piena opposizione a quella che è la filosofia d'attacco di Zeman.

Analizziamo i vari reparti della compagine scaligera.

Maran, fra i pali, dovrebbe affidarsi ancora una volta all'esperto Bizzarri, lasciando in panchina il più talentuoso Bardi, accantonato di recente per via di un avvio di stagione piuttosto negativo.

La difesa invece, cuore pulsante del Chievo, vedrà l'esperta coppia di centrali Dainelli e Gamberini affiancati sulle fasce da Frey e Zukanovic, per una linea votata al contenimento, senza alcuna licenza offensiva.
Un ottimo banco di prova per il gioco offensivo del Cagliari.

Il centrocampo clivense è generalmente ben bilanciato, con uomini come Birsa e Izco abili nel costruire gioco, supportando i compagni in entrambe le fasi.
Da tenere d'occhio Hetemaj e Cofie, mediani dal rendimento garantito specie nelle gare dove bisogna serrare le fila, come quella di stasera.

La sorpresa del Chievo a centrocampo potrebbe arrivare da Schelotto, che durante tutta la stagione non ha inciso come da aspettative; il laterale ex Inter è comunque il giocatore più talentuoso della mediana gialloblù.

Ed eccoci al reparto offensivo, che pur disponendo di tanti giocatori di valore fatica tantissimo ad andare in gol.
Maxi Lopez, Paloschi, Pellissier, Meggiorini e Ruben Botta sono attaccanti che  in passato hanno sempre gonfiato la rete ma al momento stentano, complice il gioco attendistico effettuato dal loro allenatore.

La squadra è riuscita a centrare la porta solo in 9 occasioni, e il fatto che il capocannoniere sia Pellissier con due gol e giocando peraltro pochissimo, la dice lunga sulla crisi veronese in fase offensiva.

Un'ottima opportunità per il Cagliari sotto diversi punti di vista: mettere a tacere qualche critica sulla propria vunerabilità difensiva, vincere per la prima volta in casa e staccare così una diretta concorrente per la salvezza.

Appuntamento alle ore 19.00.