Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Iachini: "A Cagliari per dare il 200% e vincere"

"Con il giusto atteggiamento"

Condividi su:

Alla vigilia della sfida tra Cagliari e Empoli, il tecnico dei toscani Beppe Iachini ha risposto alle domande dei giornalisti presenti in sala stampa. Ecco le sue parole come riporta pianetaempoli.it:

"Durante la pausa abbiamo svolto dei test fisici per capire la condizione della squadra, che sono risultati molto buoni. Ci aspettavamo di arrivare alla ripresa con qualche problema tecnico in meno, qualche acciacco in meno, che va a sommarsi a qualche squalifica. Abbiamo ancora due allenamenti per capire come dovremo scendere in campo, è un momento particolare anche tenendo conto del mercato, può succedere di tutto e vediamo cosa accade. Dobbiamo dare il 200% e portare a casa il risultato.

A Cagliari ci aspetta una partita difficile contro una squadra ben rodata, che si conosce e cambia pochissimo. Hanno inserito Birsa che è un giocatore di qualità. Maran dal canto suo sta facendo un buon lavoro da inizio stagione. Dovremmo approcciarci nel modo giusto, di fronte ad un ambiente caldo e un pubblico molto attaccato alla squadra.

Se ci sono richieste per i nostri giocatori vuol dire che li stiamo valorizzando e questo è certamente positivo. Le voci ci sono per tutti, ho parlato chiaro ai ragazzi e ho detto loro che dobbiamo essere bravi a non farci distrarre. Lottiamo per questa maglia e dobbiamo farlo a prescindere, chi è qui ha la mia fiducia e dovrà ripagarla sul campo. Se esce un pifferaio deve entrare un pifferaio, se esce un tamburino deve entrare un tamburino. Sono tranquillo e fiducioso, i dirigenti sanno quello che devono fare, le idee sono chiare.

Sulla formazione Capezzi non è ancora out, vediamo come vanno questi due allenamenti. È una situazione su cui sto lavorando, c'è anche la carta Ucan ma devo pensarci. Zajc invece lo considero un titolare, con me ha sempre giocato. Ha caratteristiche che gli permettono di essere un'arma in più per cambiare la squadra o la partita. Mi aspetto che abbia le potenzialità per essere un jolly, può fare il trequartista ma anche l'interno o l'attaccante.

Su Traoré posso dire che mi fa piacere aver dato un contributo per valorizzare questo ragazzo. Lui è un 18enne con la testa di un veterano, il suo futuro passa da qui e sono sicuro che darà il massimo fino alla fine del campionato".

Condividi su:

Seguici su Facebook