Ferito e con Mihajlovic in bilico: ecco il Toro anti Cagliari

4-2-3-1 per i granata, Belotti in panca

pubblicato il 28/10/2017 in Gli Avversari da Andrea Matacena
Condividi su:
Andrea Matacena

La pesante sconfitta di Firenze è stata soltanto la scintilla. L'incendio è scoppiato nella Torino granata. Si pensava che Sinisa Mihajlovic potesse saltare. Tanto è vero che sono rimbalzati, dopo Firenze, i nomi dei sucessori. Da Mazzarri a Paulo Sousa, fino ad arrivare addirittura a Serse Cosmi.
Ma alla fine il presidente Urbano Cairo e il ds Petrachi hanno preferito optare per la conferma del tecnico, nonostante siano consapevoli dei malumori all'interno dello spogliatoio.

Mihajlovic si gioca l'ultima chance con il Cagliari. Deve vincere per salvare la panchina. Deve spegnere il fuoco prima che sia troppo tardi. Altrimenti sarà un doloroso addio.

Il clima è teso, tanto che nelle ultime ore è apparso uno striscione della Curva Maratona all'ingresso del nuovo stadio Filadelfia. Il messaggio è chiaro. La tifoseria è stanca degli ultimi risultati (il Toro ha racimolato 2 punti nelle ultime 5 partite) e chiede ai giocatori di mostrare i cosiddetti attributi.

Sarà un caso, ma da quando si è infortunato Belotti il Toro si è fermato. Senza di lui in campo i granata hanno raccolto due sconfitte e soltanto un pareggio. Mihajlovic può sospirare perché proprio con il Cagliari avrà a disposizione l'attaccante della nazionale italiana. Resta da capire se il “Gallo” possa partire (come sembra) dal 1'.

Allo stadio “Grande Torino” arriva un Cagliari uscito da una crisi di cinque sconfitte consecutive e reduce da un'incredibile vittoria al 96' con il Benevento. E vittorie del genere fanno bene al morale, all'autostima e ti liberano da mille pressioni. Non è escluso, dunque, che i sardi vadano a Torino per giocarsela a viso aperto.

Contro i sardi Mihajlovic continua con il “criticato” 4-2-3-1. Confermato Sirigu tra i pali. Al centro della difesa si posizioneranno N'koulou e Moretti, mentre i terzini con ogni probabilità saranno De Silvestri e Molinaro. In mediana Acquah prende il posto dello squalificato Rincon e affiancherà Baselli, mentre tra le linee agiranno Iago Falque, Ljajic e Niang. Da vedere chi sarà l'attaccante.

Belotti potrebbe non partire dall'inizio. Di sicuro Sadiq o Berenguer scalpitano per un posto da titolare.