Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

ESCLUSIVA – Pantanelli: “Cagliari: società, giocatori e tifosi colpevoli. La B? Difficilissima”

L'ex numero uno del Cagliari in esclusiva al nostro quotidiano

Condividi su:

L'immancabile capellino nero, la folta chioma, i dribbling azzardati ma efficaci e le parate determinanti per la promozione in serie A, così i tifosi del Cagliari ricordano Armando Pantanelli. L'ex portiere, che ha sbarrato la strada a tanti attaccanti dal 2001 al 2004 a difesa della porta rossoblù, ha rilasciato un'intervista, in esclusiva, al nostro quotidiano.
Quali fattori sono stati determinanti ai fini della retrocessione in serie B del Cagliari?

“Sono sempre molti i fattori che portano alle retrocessioni. Sicuramente i giocatori avranno le loro colpe, magari anche le maggiori, ma società e la piazza non hanno sicuramente aiutato per un cambio di rotta”.

Hai difeso in passato i pali dei rossoblù e conosci bene la piazza: da cosa si può ripartire per risalire immediatamente la serie A?

“Direi proprio dalla piazza. Cagliari ha un gran seguito non solo in città ma in tutta la Sardegna e fuori dall'Isola, che può essere un valore aggiunto che molte altre piazze di serie B non hanno. È naturale che alla base di una promozione ci debba essere programmazione seria e oculata”.

Nell'annata 2003-2004, sei stato uno dei protagonisti della promozione: quanto è difficile affermarsi in serie B e lottare per il salto di categoria?

“Difficilissimo, l'anno che si sta concludendo lo dimostra. In serie B ci sono almeno dieci squadre che punteranno alla promozione, senza contare le sorprese che non mancano mai. Quindi, è un campionato combattutissimo e bisogna attrezzarsi da subito nel migliori dei modi”.

Domenica scorsa, dopo la gara contro l'Udinese, Daniele Conti ha dato il suo addio al Cagliari: da ex compagno di squadra, che ricordi hai di lui?

“Un grandissimo professionista e un ottimo giocatore che ha dato molto a questa squadra in tutti questi anni”.

Capitolo portieri: visto che Brkic è pronto al ritorno all'Udinese e uno tra Colombi e Cragno farà il titolare in serie B, daresti un'opportunità a uno di loro due, oppure andresti alla ricerca di un numero uno con esperienza?

“Io darei fiducia ad uno dei due e gli affiancherei un portiere di esperienza, tipo Pantanelli (ride, ndr). Tipo Gillet per dirne uno, ma con ruoli ben precisi. Quindi, il titolare si deve sentire tale senza dubbi”.

Condividi su:

Seguici su Facebook