Maran: "Vincere e regalare ai tifosi una grande stagione"

"Giocheremo sempre per i tre punti"

pubblicato il 24/08/2019 in Conferenze Stampa da Alexandra Atzori (inviata)
Condividi su:
Alexandra Atzori (inviata)
foto: sport.sky.it

Cagliari in campo domani alle 20:45 alla Sardegna Arena per la prima di campionato, contro il Brescia di Massimo Cellino e Daniele Dessena.

Mister Maran risponderà alle domande dei cronisti nella consueta conferenza stampa della vigilia (ore 12:00) al termine della consueta rifinitura ad Asseminello.

Per il nostro giornale, presente Alexandra Atzori.

Amici sportivi buongiorno da Alexandra Atzori e da tutta la redazione di Blog Cagliari Calcio 1920, alle 12:00 qui ad Asseminello la conferenza stampa della vigilia di Mister Maran in vista della prima sentitissima gara di campionato contro il Brescia.

State con noi.

La domanda delle domande, specie per i tifosi: Nandez giocherà titolare? Vedremo se il mister darà indicazioni in merito.

Ancora pochi minuti e si comincia, la squadra ha svolto stamani la rifinitura.

Vedremo se ci saranno novità dall'infermeria o nuove defezioni. Intanto la sala stampa va a riempirsi, Cagliari-Brescia - per di più alla prima di campionato - non è una gara come le altre.

Ecco Maran, ecco le sue dichiarazioni in tempo reale:

"C'è solo una gran voglia di iniziare, consapevoli che dobbiamo ancora crescere tanto. Prevale una grande emozione per questa stagione che è davvero importante e vogliamo fare vivere ai tifosi un'annata coi fiocchi.

La qualità di questi giocatori si è alzata, sono arrivati calciatori che hanno più qualità ma dobbiamo dimostrare sul campo che questa squadra sia la più forte. Con squadre meno forti qualitativamente sono arrivato anche ottavo o nono, ma bisogna dimostrare tutto sul campo. Non mi piace fare tabelle ora, dobbiamo vivere partita per partita, correndo ogni settimana e cercando di guadagnare i tre punti.

L'aspetto climatico sta incidendo sul lavoro, spesso i ragazzi finiscono gli allenamenti stremati ma sono cose che mettiamo in conto, fa tutto parte del periodo.

Mercato? Io devo parlare delle giornate di campionato che stiamo per affrontare, se parlo d'altro non sto facendo il mio lavoro. Io ho del materiale importante a disposizione e possiamo fare bene.

Mi tengo sempre spiragli per decidere, mi porto dietro qualche dubbio ma in linea di massima ho già la formazione in testa. Nainggolan è probabile giocherà come domenica scorsa. Nandez è arrivato da poco e ha giocato l'ultima gara ai primi di agosto, ora si trova a misurarsi con un clima diverso ma potrebbe essere un'occasione per lui anche per integrarsi di più anche dal primo minuto. Vedremo.

Castro lo porto in panchina, ma è stato fuori un po'. Però sta bene.

Ci siamo concentrati sulla gara, non sui significati di questa partita e ho visto una grande partecipazione da parte dei ragazzi, sappiamo che incontriamo una neo promossa ed è sempre difficile; dobbiamo scendere in campo per vincere e partire nel modo giusto. Avvertiamo grande entusiasmo e vogliamo alimentarlo, dobbiamo essere bravi a conquistare i tre punti attraverso la prestazione.

La mia storia al Brescia? Ci penso ogni tanto e penso che sarebbe potuta finire in modo diverso ma poi sono stato in altre piazze e se è quel percorso che mi ha portato qua, va bene così. Sto vivendo un momento molto felice.

Dessena è un ragazzo che ha dato tanto a questa maglia e sarà un piacere ritrovarlo e voglio cogliere l'occasione per ringraziare tutti quelli che ci hanno portato fin qua e che magari oggi non ci sono più. Sono convinto che Daniele avrà una bellissima accoglienza.

Il Brescia è l'ultima che ha conquistato la A e ha grande entusiasmo, avrà grande carica agonistica. Noi dobbiamo partire alla grande e non cadere in errori. Mi aspetto miglioramenti in tutti, abbiamo lavorato sulle cose positive e negative che abbiamo avuto domenica e abbiamo cercato di migliorarle.

L'hanno scorso alla prima ero convinto che avremmo fatto una grande gara e poi è andata come è andata, ma oggi abbiamo tanti leader che ci possono dare una mano nelle difficoltà. Credo che l'arrivo di giocatori abituati a certi contesti possano darci una grande mano".