Il peso della valigia

La grande responsabilità di Conti

pubblicato il 13/01/2016 in Approfondimenti da Luca Neri
Condividi su:
Luca Neri
foto: www.blogcagliaricalcio1920.net

Il 12 Gennaio, dopo mesi passati in riva al mare ad aspettare, la barca tornò. Il capitano era lì ad attendere, e forse non avrebbe mai smesso di farlo. Fu calato il ponte e lui salì. A bordo era cambiato tantissimo, eppure nell’istante in cui lui toccò il timone, si ebbe l’impressione che il cerchio fosse chiuso. Finalmente.

Daniele Conti torna al Cagliari. Non da giocatore, ovviamente. Il numero 5 si occuperà del settore giovanile, con particolare riguardo ai centrocampisti. A lui il compito di istruire i giovani tecnicamente e, come detto da lui, soprattutto di “trasmettere loro il valore di questa maglia”. Una responsabilità importante, una valigia che pesa.

Non è mai facile, soprattutto nel calcio moderno, insegnare certi valori. Far capire che il Cagliari è un punto d’arrivo e non di partenza, insegnare loro che indossare questi colori significhi rappresentare un’isola, un popolo. Non sarà soprattutto facile far capire loro che la fedeltà ad una bandiera spesso vale più di ogni contratto.

Ma poi viene in mente che parliamo di Conti. Uno che ha rinunciato a palcoscenici ben più prestigiosi per diventare un mito, uno che ha sempre dichiarato che la sua nazionale fosse il Cagliari, che ha sempre difeso questi colori alla morte, senza mai risparmiarsi, come fossero quelli della squadra più titolata al mondo. E allora, probabilmente, per uno come lui non sarà poi così difficile.

Forse, per citare Ligabue, aprendo quella valigia che pesa tantissimo Daniele troverà solo farfalle.