Partecipa a Blog Cagliari Calcio 1920

Sei già registrato?

Accedi con e-mail e password

Cagliari, cosa ti darà Fabio Liverani

La scheda del nuovo tecnico rossoblu

Condividi su:

Fabio Liverani sarà il nuovo allenatore del Cagliari. L'ex allenatore di Ternana, Lecce e Parma approda in Sardegna per provare a riportare i rossoblu nel calcio che conta, traguardo già raggiunto quando allenava in Puglia. È stato anche un tesserato del club isolano, seppur per un breve periodo a livello giovanile, durante gli anni 90'. 

Ora arriva a Cagliari da persona matura, dopo aver fatto diverse esperienze da tecnico, con l'obiettivo di essere ricordato in questa piazza negli anni a venire. Perché la promozione in Serie A non è scontata, tutt'altro. 

La Serie B di adesso non è quella che trovò il Cagliari sette anni fa, ma è molto più competitiva. Ci sono, potenzialmente, otto o nove club che potrebbero salire di categoria, su tre posti disponibili. E la B è un campionato molto più imprevedibile della A, dove solitamente c'è più di una sorpresa. 

Liverani questo lo sa, conosce questo campionato e da un certo punto di vista è un bene che sia stato scelto un allenatore che abbia fatto questo tipo di esperienze, soprattutto in piazze calde.  È stato noto a Lecce per aver portato i salentini dalla C alla A, sfiorando la salvezza nel massimo campionato. Quel Lecce era una squadra che, nonostante il materiale a disposizione, giocava un buon calcio, mettendo in campo un atteggiamento aggressivo. 

Il modulo solitamente adottato da Liverani è il 4-3-1-2, che punta molto sull'importanza del trequartista, basti pensare alla stagione di Mancosu di qualche anno fa in A. Il trequartista del Cagliari in questo momento è Pereiro, ma ovviamente non è certo che rimanga, per cui potrebbe esserci una caccia al fantasista in queste settimane, per accontentare sin da subito Liverani. 

Ci vorrà un po' per ottenere una squadra completa a disposizione: perché arrivino nuovi giocatori occorre che prima ne escano diversi, e non sarà veloce come processo. L'obiettivo è di avere una rosa abbastanza rivoluzionata per il ritiro, che dovrebbe partire a metà luglio, se non prima. 

Liverani in questo mese conoscerà l'ambiente, consapevole che arriva in una situazione complicata. L'entusiasmo e la fiducia saranno i primi mattoni da mettere per risollevare una piazza ancora sotto shock dopo la retrocessione. Liverani però sa come si porta una squadra in A: dopo Lecce vuole provare il bis.

Condividi su:

Seguici su Facebook