Cagliari, cosa ti darà Dalbert

Il punto sul nuovo terzino sinistro arrivato in prestito dall'Inter

pubblicato il 17/07/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias

Dalbert Henrique Chagas Estevão, in arte Dalbert, è ormai un nuovo giocatore del Cagliari. Manca solo l'ufficialità e il terzino sinistro brasiliano, proveniente dall'Inter con la formula del prestito con diritto di riscatto (dovrebbe essere 7 milioni), diventerà a tutti gli effetti un rossoblu. Sarà lui che si contenderà la fascia sinistra con Lykogiannis, che però non è certo di rimanere.

Brasiliano di Barra Mansa, nello Stato di Rio de Janeiro, classe 1993, è cresciuto nelle giovanili della squadra della sua città per poi fare il grande salto nel Flamengo, dove però è restato solo per 6 mesi, per poi andare in Portogallo. Qui, al Guimares, viene notato dal Nizza, che nel 2016 lo porta in Ligue 1. Gioca Champions ed Europa League, disputando probabilmente la sua miglior stagione.

Poi, un'anno dopo, arriva la chiamata dell'Inter, l’opportunità di una vita, ma qui non saranno rose e fiori. La prima stagione colleziona solo 13 presenze in A, la seguente 11, finché il terzo anno viene ceduto in prestito alla Fiorentina, e qui si rivede a tratti il Dalbert del Nizza. Ma poi fa subito ritorno dai nerazzurri, che lo girano nuovamente in prestito, stavolta al Rennes. Non convince neanche qui, e per la seconda volta torna alla casa base.

Ora è al Cagliari, e qui potrebbe ritagliarsi uno spazio importante, da titolare magari, con i rossoblu pronti a dare una possibilità a un giocatore che sino a qualche anno fa faceva gola all'Inter e ad altri club importanti. In Sardegna Dalbert può ritrovare la giusta serenità, senza troppe pressioni ma confrontandosi comunque con una piazza esigente, che lo metterà subito alla prova.

È un laterale sinistro di spinta, dotato di un buon cross e di una mancino interessante. Ha anche una buona capacità di tiro, sa cercare l'uno contro uno e non ha paura di rischiare la giocata. La velocità e la progressione palla al piede sono i suoi punti di forza. Al Cagliari può dare quella freschezza e quell'imprevedibilita in più, inoltre grazie alla sua duttilità è in grado di svariare su tutta la fascia. Sa che ha l'occasione di riscattarsi dopo anni di luci e ombre, per cui sicuramente sarà motivato per stupire Semplici.