Cagliari, cosa ti ha lasciato la vittoria contro la Roma

Fiducia, idee, identità e più speranze per la salvezza: ecco da quali aspetti si deve ripartire

pubblicato il 27/04/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2021

Il Cagliari ora è più tranquillo: con la terza vittoria consecutiva i rossoblu hanno agganciato il Benevento e proveranno il sorpasso definitivo. Tutto è partito dal successo in extremis col Parma, che ha riportato entusiasmo e fiducia nell'ambiente, per poi trovare conferma nell'1-0 in casa dell'Udinese e nel 3-2 alla Sardegna Arena sulla Roma.

Ed è proprio la partita contro i giallorossi che può fare da motore per queste ultime 5 sfide, o finali, che restano. I sardi hanno imparato che se vogliono possono giocarsela con tutte, che non ci sono favoriti quando l'atteggiamento in campo è quello di questa domenica. Si è trattata della prima vittoria contro una big in questa stagione: un segnale forte in ottica salvezza, che testimonia il lavoro di Semplici. Ed è proprio l'allenatore ex Spal a prendersi la maggior parte dei meriti al di là di quelli dei giocatori, perché l'ha preparata benissimo.

I tre attaccanti hanno premiato, Joao Pedro in versione trequartista ha fatto una grande partita, rifinendo e segnando, Pavoletti e Simeone non si sono visti molto ma hanno fatto molto lavoro sporco, diventando i primi difensori della squadra quando c'era da pressare alto per aggredire la Roma quando usciva palla al piede dalla difesa. La scelta di Deiola ha premiato, come contro l'Udinese, ma la notizia più grande è che senza Radja Nainggolan, il leader tecnico del Cagliari, si è vinto contro una grande squadra giocando probabilmente la miglior partita della stagione.

È stata una vittoria di cuore ma anche di idee, perché questa squadra finalmente sta trovando un'identità, anche se solo a fine campionato. Con questi tre punti d'oro ora si è alla pari con il Benevento, e alla prossima c'è il Napoli, un'altra big. Sarà ancora più complicato, i partenopei al momento sono insieme all'Atalanta e all'Inter la squadra più in forma della Serie A, ma si può comunque pensare di strappare un punto che avrebbe un valore importantissimo. Alla fine però non bisogna fare calcoli, come è giusto che sia, ma si deve scendere in campo per fare il proprio, anche pensando alla vittoria, perché no, come contro la Roma: i risultati poi arriveranno da sé.