Cagliari, cosa ti darà Capozucca

Torna l'ex dirigente rossoblu: una scelta forte da parte della società isolana che vuole cambiare allenatore ma anche progetto

pubblicato il 21/02/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
www.blogcagliaricalcio1920.net

La rivoluzione per il dopo Di Francesco è iniziata. In attesa di scoprire quale sarà il nuovo allenatore designato per salvare il Cagliari, ecco che in società arriva un nuovo nome. O una vecchia conoscenza. Si tratta di Stefano Capozucca, in passato già ds del club rossoblu: esperto del settore, professionista navigato che ricoprirà un ruolo dirigenziale nel sodalizio isolano. A lui il compito di coordinare squadra e società, oltre che concentrarsi sul mercato, dove è una vecchia volpe. Potrebbe affiancare Carta in questo campo, oppure prendere le redini, ancora non si sa con certezza.

Si sa invece qualcosa di più sul suo conto. È partito dal basso, facendo la gavetta nei classici campi di provincia a partire dagli anni '90. Corsico, Pro Patria, Varese, Ternana fino al grande salto in al Genoa. Con il Grifone trascorre quasi 10 anni, con un piccolo intervallo al Livorno. Poi, nell'estate del 2015, il passaggio al Cagliari come direttore sportivo. Con lui si ricostruirà una squadra retrocessa tra i cadetti la stagione prima, che verrà subito promossa in A con successo per poi fare il miglior campionato dell'era Giulini sotto Massimo Rastelli. Con Capozucca l'anno del ritorno in massima serie arrivano nomi importanti, come Bruno Alves, Borriello e Ionita. Poi l'addio, per andare a casa, al Genoa. Ora tornerà, e sarà una scossa non indifferente per tutto l'ambiente.

Prima di tutto perché conosce già il Presidente e l'atmosfera, secondo perché è l'uomo giusto per ricostruire dalle ceneri. Se il Cagliari dovesse finire in B, si ripeterebbe la stessa situazione dell'ultima volta, con Capozucca che farebbe un mercato per tornare subito competitivi nel calcio che conta con la speranza di iniziare un nuovo ciclo. La sua lunga esperienza (oltre 25 anni) sarà preziosa, in momenti come questi servono uomini abituati a gestire un certo tipo di pressioni. Importante sarà anche il suo ruolo sul campo, visto che dovrà coordinare i vari aspetti tra squadra e società sotto una lente manageriale.

In questo momento Capozucca lavora per trovare il mister che sostituirà Eusebio Di Francesco, prossimo all'esonero. È questa la prima decisione importante che è tenuto a fare, insieme al resto della società: il Cagliari può ancora salvarsi nonostante le difficoltà del caso e la scelta dell'allenatore è delicatissima, anche a seconda di come potrebbe essere la nuova stagione. Il fiuto non gli manca di certo, poi starà al futuro condottiero risolvere i problemi. Ma Capozucca sarà lì affianco per aiutarlo: conosce benissimo queste realtà e queste annate sfortunate dove bisogna avere mente lucida e non perdere di vista il timone.