Cagliari, cosa ti darà Daniele Rugani

Il punto sul nuovo difensore rossoblu

pubblicato il 04/02/2021 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias

Daniele Rugani è il colpo last minute del Cagliari per il mercato di gennaio. Un acquisto a sorpresa, che andrà a puntellare il reparto difensivo che adesso dispone di ben 6 centrali.

Difensore di belle speranze ad Empoli, nel 2015 passa alla Juventus, con la promessa di sbocciare, ma in bianconero non esplode mai definitivamente, alternando belle prestazioni ad altre meno buone. Questa stagione non è rientrato nei piani di Pirlo e della società, tanto che è stato ceduto temporaneamente al Rennes, club della Ligue 1. Con i francesi ha disputato solo 2 presenze, a causa di un infortunio alla coscia (infiammazione) che l'ha tenuto ai box da ottobre fino a due settimane fa, facendogli saltare 16 partite. Ora l'avventura al Cagliari (sempre in prestito dalla Juve), sperando che possa ritornare ai livelli di un tempo. L'Isola è un ambiente sereno, potrebbe essere perfetto per Rugani, che ha bisogno di tranquillità e di ritrovare fiducia. In quest'ultimo mese si è parlato tanto del bisogno di un regista, che però alla fine non è arrivato, ma anche la retroguardia necessitava di nuova linfa, essendo il reparto più in crisi, per cui non ci si può certamente lamentare.

È un classe 1994, ha 26 anni, è nel pieno della sua carriera, c'è un Europeo da giocare quest'anno e Rugani vuoel convincere Mancini. Con i rossoblu avrà la possibilità di giocare titolare con regolarità: con estrema probabilità saranno lui e il Flaco Godin i padroni della difesa da qui alla fine della stagione.

Non gioca da tanto, per cui deve recuperare subito la condizione migliore, perché a Cagliari c'è poco tempo: serve gente pronta e collaudata, la salvezza è a rischio. Da questo punto di vista però Rugani fa a caso dei sardi, perché con 117 presenze conosce molto bene la Serie A, e ha anche una certa esperienza in campo internazionale grazie alle stagioni con la Vecchia Signora. Può quindi dare prima di tutto un contributo mentale e di leadership alla squadra, che ha bisogno di più guide possibili in questo momento di grande incertezza.

Le sue caratteristiche tecniche sono un buon senso della posizione, grande stazza, che però non gli impedisce di essere veloce, sia nel breve che nel lungo, e una certa abilità nell'impostazione, figlia degli insegnamenti del maestro Sarri quando allenava a Empoli. Un altro suo punto di forza è il colpo di testa, vista l'altezza, per cui può tornare utile anche in zona gol. Al Cagliari serve un centrale con la sua qualità, Ceppitelli e Walukiewicz al momento hanno trovato molte difficoltà, e Godin ha bisogno di una mano perché non è più quello di un tempo. Rugani è un rinforzo sicuramente all'altezza, ma come detto tutto dipenderà dalla sua condizione.

Se dovesse ritornare al top, ecco che buona parte dei problemi dei rossoblu in difesa potrebbero trovare una soluzione.