Cragno-Olsen, sotto a chi tocca

La staffetta tra i due portieri è incominciata

pubblicato il 25/06/2020 in Approfondimenti da Michelangelo Corrias
Condividi su:
Michelangelo Corrias
2019

Zenga l'aveva detto: avere due portieri come quelli lì è un lusso non indifferente. Ma solo uno può giocare. La staffetta tra Olsen e Cragno è ufficialmente partita, e ora bisogna vedere chi la spunterà. 

Con Maran le gerarchie erano chiare: gioca lo svedese finché Cragno non si riprende dall'infortunio alla spalla, poi spazio al numero 28. Con il cambio dell'allenatore invece sembra che ci sarà un'alternanza a seconda della condizione di entrambi e del tipo di gara. 

Contro il Verona è sceso in campo Cragno, subendo due gol ma senza colpe (specialmente nel secondo), mentre a Ferrara  è toccato ad Olsen, che ha fatto la cosa più bella prima del gol di Simeone: parata da portiere di pallanuoto su Cerri (con la faccia) e risultato salvato. 

Adesso sarà curioso capire chi giocherà contro il Torino, perché quello più in forma in questo momento è parso Olsen, ma solo Zenga, da grande ex portiere, conosce la riposta. 

Cragno non sembra ripresosi ancora al 100% dal problema alla spalla, ha ancora un po' di ruggine addosso e la cosa non è passata inosservata ai più. Olsen ha dimostrato più personalità finora, alla faccia di chi l'aveva etichettato come "pacco" ancor prima di vederlo all'opera. 

Uno dei due potrebbe partire nel prossimo calciomercato, ma per adesso il Cagliari se li gode entrambi. Sotto a chi tocca allora, che vinca il migliore.